Tom's Hardware Italia
Schede Grafiche

Otto Tesla V100 e 40.960 CUDA core nel nuovo Nvidia DGX-1

Nvidia ha rinnovato la propria offerta di supercomputer per lo sviluppo delle intelligenze artificiali adottando la nuova Tesla V100. Ecco le nuove versioni di DGX-1 e DGX Station.

Se avete bisogno di otto Tesla V100 per un totale di 40.960 CUDA core e 128 GB di memoria grafica all'interno di un singolo sistema, Nvidia ha qualcosa che fa al caso vostro. Si chiama DGX-1, ed è la nuova versione del supercomputer destinato allo sviluppo delle intelligenza artificiali.

nvidia dgx 1 tesla v100 01
Clicca per ingrandire

Il prezzo è un po' alto, circa 150.000 dollari, ma il target sono le migliaia di realtà e aziende che stanno dando vita quella che Nvidia definisce una nuova rivoluzione nel campo dell'informatica, quella guidata da intelligenze artificiali che giorno dopo giorno diventano sempre più autonome e potenti.

nvidia dgx 1 tesla v100 02
Clicca per ingrandire

La precedente incarnazione di DGX-1 si basava su otto Tesla P100 e ha ricevuto una calda accoglienza, con la non profit OpenAI creata da Elon Musk tra i primi acquirenti. Secondo Nvidia la prima versione di DGX-1, grazie ai 28.672 CUDA core e una potenza fino a 170 TFLOPS con calcoli FP16, offriva una potenza equivalente a 400 CPU. NVLink, inoltre, garantiva fino a cinque volte le prestazioni di una connessione PCI Express standard.

nvidia dgx 1 tesla v100 03

Con la nuova versione di DGX-1, Nvidia alza la posta. Con otto GPU Volta in uno chassis 3U è possibile raggiungere fino a 960 TFLOPs di potenza con calcoli FP16, senza dimenticare la presenza di 5120 unità Tensor core dedicate all'allenamento delle reti neurali. A condire il tutto la connessione NVLink 2.0, che aumenta il throughput fino a dieci volte rispetto al PCI Express. Il tutto senza incrementare i consumi.

Secondo la casa di Santa Clara il supercomputer offre una potenza pari a 800 CPU (o 400 server) e può ridurre il tempo richiesto per allenare le reti neurali dagli 8 giorni necessari con una Titan X a otto ore. Oltre all'hardware, anche il software gioca un ruolo importante. DGX-1 è integrato con lo stack software dedicato al deep learning di Nvidia e ai principali servizi di gestione cloud. Pieno supporto quindi ai framework PyTorch, Caffe2 e TensorFlow, solo per citarne alcuni.

nvidia dgx station tesla v100
Clicca per ingrandire

Nvidia ha fatto sapere che chi acquisterà oggi un sistema DGX-1 con GPU Tesla P100, nel terzo trimestre godrà dell'aggiornamento gratuito alle GPU Tesla P100.

nvidia dgx station tesla v100 01

Chi non ha bisogno di così tanta potenza, ha la possibilità di optare per DGX Station, un sistema che secondo Nvidia può sostituire fino a 400 CPU e consumare un ventesimo dell'energia. Questo perché al suo interno ha quattro Tesla V100 che garantiscono una potenza di 480 TFLOPS (FP16). Il tutto è raffreddato a liquido. Il sistema ha un prezzo di 70.000 dollari ed è accompagnato da una suite software completa.


Se ti chiedi se questi sistemi possono far girare Crysis, allora forse stai cercando una scheda video. La GTX 1080 Ti è quella che fa per te!