Tom's Hardware Italia
Computer Portatili

Purism Librem 15: il notebook open source diventerà realtà?

La campagna di finanziamento per la fabbricazione del primo notebook completamente open source prosegue, intanto gli ideatori apportano dei cambiamenti al progetto originario per aggirare i problemi.

A novembre Purism ha annunciato una campagna di finanziamento per la produzione di Librem 15, un notebook di fascia alta completamente open source che ha già raccolto oltre 90mila dollari, e che ha tempo fino alla fine di gennaio 2015 per arrivare all'obiettivo di 250mila dollari.

Gli sviluppatori però stanno incontrando qualche problema per la realizzazione di un prodotto al 100% open source, libero non solo dal punto di vista del sistema operativo, ma anche da qualsiasi firmware profondamente integrato nell'hardware.

Purism Librem 15

Purism Librem 15

Per avere un prodotto full open source infatti non basta banalmente disinstallare Windows e installare una qualsiasi distro Linux. Il primo ostacolo è nella CPU Intel, che integra in modo permanente un firmware con firma digitale che entra in gioco quando il portatile viene avviato.

Purism ha spiegato di avere scoperto che la "fusione" delle CPU Intel (scelte al posto di quelle AMD) con il firmware può essere impostata dal produttore della scheda madre: si può avere il firmware con firma digitale integrato oppure no. Semplicemente per ora nessuno ha mai detto di non volere questa opzione. Sarà in sostanza necessario scrivere il proprio firmware open source per sostituire quello Intel: un lavoro che richiederà alla comunità degli sviluppatori un po' di tempo.

###old3273###old

Il problema secondario è che c'è un firmware negli SSD e nei chip grafici. A quest'ultimo proposito Purism ha già apportato modifiche al suo progetto originale rinunciando alla grafica discreta Nvidia a favore dell'integrata Iris di Intel. Il motivo è che gli sviluppatori di QubesOS volevano la virtualizzazione VT-d e VT-x, che non avrebbe funzionato con grafica discreta in modalità ibrida. Inoltre Weaver, a capo del progetto Purism, ha detto che un chip grafico Nvidia comporterebbe la necessità di riprogrammare un altro firmware chiuso.

I lavori procedono, e se i finanziamenti andranno a buon fine si potrà costruire davvero questo notebook completamente open source, che per i finanziatori avrà un prezzo previsto compreso fra 1449 e 1699 dollari, che potrebbero lievitare man mano che il progetto andrà avanti. Nel caso in cui il crowdfunding non andasse in porto comunque sarà un passo avanti, perché la scoperta che si possono aggirare tutti questi problemi apre la strada ad altri progetti open source.

La configurazione però sarà di tutto rispetto: display da 15,6 pollici a 1920 x 1080 pixel o a 3840 x 2160 pixel, CPU Intel Core i7 -4770HQ a 3.4 GHz con grafica Intel Iris Pro Graphics 5200, 4 GB di memoria RAM espandibili a 32 GB, disco fisso da 500 GB sostituibile con modelli fino a 1 TB sia tradizionali sia SSD.

Le dimensioni sono di 375 x 244 x 22 mm, per un peso di 2 chili circa che comprende anche l'unità ottica e una batteria ai polimeri di litio da 48 Wh che dovrebbe garantire un'autonomia fino a 8 ore.

Lenovo Essential B575E Notebook Lenovo Essential B575E Notebook
Acer P253-M TravelMate Acer P253-M TravelMate
Asus X551CA-SX029D Asus X551CA-SX029D