Schede Grafiche

Radeon R9 M295X con GPU Tonga: l’anti GeForce GTX 880M

La nuova GPU Tonga su cui starebbe lavorando AMD per il settore desktop dovrebbe costituire anche una nuova proposta di fascia alta per il mondo mobile, la Radeon R9 M295X. Secondo indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi ci troveremmo di fronte a un core grafico con specifiche molto simili a una GPU Tahiti, ma con un bus a 256 bit piuttosto che a 384 bit.

L'architettura rimarrebbe quella GCN – Graphics Core Next – ma nell'accezione più evoluta che abbiamo visto con le GPU Hawaii a bordo delle Radeon R9 290 e 290X. Si prefigurerebbe quindi una GPU mobile con 2048 stream processor a 800 MHz (non è chiaro se sia quella base o boost), affiancata da 4 GB (o forse anche 8 GB) di memoria GDDR5 a 1375 MHz.

L'attuale top di gamma in ambito mobile di AMD è la Radeon R9 M290X basata sul chip Neptune XT (Pitcairn) con 1280 stream processor, frequenza di 800/900 MHz e 4 GB di memoria GDDR5 a 1200 MHz. La nuova soluzione basata su GPU Tonga non avrebbe problemi a sopravanzarla, garantendo al tempo stesso maggiore efficienza. La Radeon R9 M295X andrebbe a scontrarsi con la migliore soluzione di Nvidia, la GeForce GTX 880M, basata su GK104 con 1536 CUDA core e 8 GB di RAM.

Per quanto concerne l'ambito desktop, c'è ancora molto dibattito sulle reali capacità della GPU Tonga. C'è chi la vede come un sostituto della GPU Tahiti, quindi una potenziale Radeon R9 285X in ambito desktop e chi invece ritiene si collocherà poco sotto, prendendo il nome di Radeon R9 275X.

Le ultime voci di corridoio dicono che la scheda avrà le prestazioni di una R9 280X ma i consumi di una R9 270X grazie a una sistema di alimentazione riprogettato per avere un controllo ancora più preciso sull'attività della scheda e di conseguenza sul livello energetico a cui si trova in ogni momento. Al momento non ci sono informazioni più precise, ma il prodotto è dato in arrivo nel terzo trimestre – tra agosto e settembre.