TEST

Radeon RX 5500 XT 4GB – Recensione

Dopo aver anticipato l’arrivo della serie Radeon RX 5500 a inizio ottobre, rimandando il debutto dei prodotti sul mercato nel corso del quarto trimestre, AMD è finalmente pronta a portare sul mercato la Radeon RX 5500 XT, in versione con 4 e 8 GB di memoria.

La Radeon RX 5500 XT integra una GPU Navi 14 basata su architettura Radeon DNA (RDNA). Come le altre schede Navi uscite sinora, anche questa soluzione non supporta il ray tracing al momento ed è priva di unità di accelerazione dedicate alla tecnologia. Il processore grafico è prodotto con processo a 7 nanometri, conta 6,4 miliardi di transistor e supporta il PCIe 4.0 – il die ha una dimensione di 158 mm2, inferiore ai 221 mm2 della GPU Polaris della RX 480/580.

Rispetto alla RX 480, AMD afferma che le prestazioni per watt sono migliori del 60%, con prestazioni in crescita del 12% a fronte di un calo dei consumi del 30%.

All’interno della GPU Navi ci sono 22 Compute Unit, per un totale di 1408 stream processor in grado di garantire una potenza di calcolo fino a 5,2 teraflops (singola precisione FP32). La GPU presenta una frequenza base di 1067 MHz, una frequenza tipica (Game Clock) fino a 1717 MHz (la Sapphire Pulse che abbiamo provato arriva a 1737 MHz), mentre la frequenza di boost è di 1845 MHz.

La scheda è come detto dotata di 4 o 8 GB di memoria di tipo GDDR6 che opera a 14 Gbps, collegata a un bus a 128 bit. Per quanto riguarda il TBP – Total Board Power – si parla di un valore di 130 watt. A noi è arrivata la Sapphire Pulse RX 5500 XT 4 GB, dotata di un connettore PCIe a 8 pin che tuttavia è necessario su tutte le RX 5500 XT. Nella parte posteriore troviamo tre uscite DisplayPort e una HDMI.

Qual è il target della Radeon RX 5500 XT? Si propone come una scheda per giocare molto bene in Full HD (1080p), laddove la serie RX 5700 punta al WQHD (1440p). Il prezzo indicato al lancio da AMD è di 169 dollari (4GB) e 199 dollari (8GB) per gli Stati Uniti, e si tratta di prezzi esentasse. Per quanto riguarda l’Italia, non ci sono stati comunicati prezzi ufficiali da AMD, ma di questo parliamo nelle conclusioni.

RX 480 RX 580 RX 5500 XT RX 5700 RX 5700 XT
Architettura GCN GCN RDNA RDNA RDNA
Progetto Polaris 10 Polaris 20 Navi 14 Navi 10 Navi 10
Processo produttivo 14 nm 14 nm 7 nm 7 nm 7 nm
Numero transistor 5,7 miliardi 5,7 miliardi 6,4 miliardi 10,3 miliardi 10,3 miliardi
Dimensione die 232 mm2 232 mm2 158 mm2 251 mm2 251 mm2
Compute Unit 36 36 22 36 40
Stream Processor 2304 2304 1408 2304 2560
Base Clock 1120 MHz 1257 MHz 1607 MHz 1465 MHz 1605 MHz
Game Clock 1717 MHz 1625 MHz 1755 MHz
Boost Clock 1266 MHz 1340 MHz 1845 MHz 1725 MHz 1905 MHz
Prestazioni FP32 5,8 TFLOPs 6,17 TFLOPs 5,2 TFLOPs 7,95 TFLOPs 9,75 TFLOPs
Prestazioni FP16 5,8 TFLOPs 6,17 TFLOPs 10,4 TFLOPs 15,9 TFLOPs 19,5 TFLOPs
Texture fill-rate 182,3 GT/s 193 GT/s 162,4 GT/s 248,4 GT/s 304,8 GT/s
ROPs 32 32 32 64 64
Pixel fill-rate 40,51 GP/s 42,8 GP/s 59 GP/s 110,4 GP/s 121,9 GP/s
Memoria 8 GB GDDR5 8 GDDR5 4/8 GB GDDR6 8 GB GDDR6 8 GB GDDR6
Clock memoria 8 Gbps 8 Gbps 14 Gbps 14 Gbps 14 Gbps
Bandwidth 256 GB/s 256 GB/s 224 GB/s 448 GB/s 448 GB/s
Bus 256 bit 256 bit 128 bit 256 bit 256 bit
TBP 150 W 185 W 130 W 180 W 225 W

Sul mercato non vedrete una scheda di riferimento come invece avvenuto con le RX 5700, ma una schiera di proposte dei partner di AMD da marchi come ASRock, Asus, Gigabyte, MSI, PowerColor, Sapphire e XFX. Anche la RX 5500 XT – come molte altre schede dell’azienda sinora – sarà offerta con un bundle: in questo caso si parla Monster Hunter World: Iceborne e tre mesi di Xbox Game Pass. Il gioco vale circa 50 euro, mentre l’Xbox Game Pass vale circa 10 euro.

I nuovi driver

Due giorni fa AMD ha annunciato i nuovi driver Radeon Software Adrenalin 2020 Edition. Ovviamente li abbiamo usati per testare la nuova scheda video. Potete leggere tutte le novità in questo articolo, ma i punti salienti sono:

  • Interfaccia completamente rinnovata: un nuovo design più elegante e intuitivo per avere il pieno controllo dell’hardware grafico Radeon, delle caratteristiche alle impostazioni di gioco, fino ai servizi streaming e molto altro ancora.
  • Radeon Boost: offre fino al 23% di incremento medio delle prestazioni in scenari di gioco frenetici, riducendo dinamicamente la risoluzione dell’immagine, aumentando i framerate e migliorando la fluidità – senza cambiamenti percettibili nella qualità dell’immagine.
  • AMD Link: permette di portare il gioco in streaming al di fuori della propria casa, per un gameplay di alta qualità su smartphone o tablet da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento.
  • Integer Display Scaling: migliora la qualità grafica dei vecchi giochi andando a scalare l’immagine pixel per pixel da un pixel a quattro (o più), senza impattare sulle prestazioni.

Configurazione di prova

Per sapere come testiamo le schede video potete leggere questo articolo.

Processore Intel Core i9-9900K (acquistabile qui)
Scheda madre Asus ROG Z390 Maximus XI Hero (WiFi) (acquistabile qui)
RAM 2×8 GB DDR4 Corsair Dominator Platinum RGB 3600 MHz (acquistabile qui)
Alimentatore Sharkoon Silentstorm IceWind Black 750W
SSD Crucial BX300 480 GB (acquistabile qui)
Dissipatore Noctua NH-U12A (acquistabile qui)
Banchetto Dimastech Mini V1.0
Driver Nvidia GeForce 441.21 WHQL
AMD Radeon Adrenalin 2020 Edition (19.12.2)

Schede video a confronto

In questa tabella le specifiche delle schede inserite all’interno dei grafici che vedete di seguito. Tutta la linea Nvidia GeForce GTX 16, a cui si aggiunge la nuova RX 5500 XT con 4 GB di memoria e la “solita” RX 590.

GTX 1660 Ti GTX 1660 SUPER GTX 1660 GTX 1650 SUPER GTX 1650 GTX 1060 6GB RX 5500 XT RX 590
GPU 12nm TU116-300 12nm TU116-300 12nm TU116 12nm TU116 12nm TU117-300 16 nm GP106-400-A1 7 nm Navi 14 12 nm Polaris 30
CUDA Core 1536 1408 1408 1280 896 1280 1408 2304
TMU 96 88 88 80 56 80 88 144
ROPs 48 48 48 32 32 48 32 32
Base Clock 1500 MHz 1530 MHz 1530 MHz 1530 MHz 1485 MHz 1506 MHz 1607 MHz 1469 MHz
Boost Clock 1770 MHz 1785 MHz 1785 MHz 1725 MHz 1665 MHz 1709 MHz 1845 MHz 1545 MHz
Clock memoria 12 Gbps 14 Gbps 8 Gbps 12 Gbps 8 Gbps 8 Gbps 14 Gbps 8 Gbps
Memoria 6GB GDDR6 6GB GDDR6 6GB GDDR5 4GB GDDR6 4GB GDDR5 6 GB GDDR5 4 GB GDDR6 8 GB GDDR5
Bus memoria 192-bit 192-bit 192-bit 128-bit 128-bit 192-bit 128-bit 256-bit
Bandwidth 288 GB/s 336 GB/s 192 GB/s 192 GB/s 128 GB/s 192,2 GB/s 224 GB/s 256 GB/s
TDP 120W 125W 120W 100W 75W 120W 130W 175 W
Prezzo suggerito in dollari (esentasse) 279 USD 229 USD 219 USD 160 USD 149 USD 299 USD 169 USD 279 USD
Data di lancio 22 febbraio 2019 29 ottobre 2019 14 marzo 2019 22 novembre 2019 23 aprile 2019 19 luglio 2016 12 dicembre 2019 15 novembre 2018

Prestazioni Radeon RX 5500 XT 4GB

Stando alle dichiarazioni di AMD nel corso di un briefing a cui abbiamo partecipato, il modello da 8 GB garantisce prestazioni mediamente il 10/15% superiori rispetto alla versione da 4 GB: si passa dal +12% con Borderlands 3 con dettagli alti al +24% con Wolfenstein II impostato a Ultra come potete vedere nella seguente slide. Molto però dipende dal gioco, dai dettagli impostati e dalla risoluzione.

Ma con quale scheda video si scontra la RX 5500 XT? La GTX 1650 SUPER di Nvidia. L’obiettivo è ovviamente batterla e allo stesso tempo far sì che i possessori della RX 480 e della GTX 970 guardino a questa nuova soluzione come possibile aggiornamento. Vediamo come si è comportata la scheda nei nostri test.

Durante le nostre prove, la scheda si è dimostrata in grado di reggere i giochi in Full HD con dettagli massimi o comunque molto elevati a 60 FPS circa. La scheda è leggermente più veloce della GTX 1650 SUPER nel complesso della nostra suite, mediamente di circa 1,5 FPS e di 3,5 FPS rispetto alla RX 590. Come potete ben capire, non sono differenze abissali, quindi nelle conclusioni giocherà un ruolo fondamentale il prezzo. Ci sono comunque dei giochi in cui la scheda si comporta davvero bene.

Consumi, temperature e rumorosità

Per rilevare la rumorosità abbiamo posizionato il fonometro a 10 cm di distanza dalla ventola centrale e perfettamente perpendicolare alla scheda. Non si tratta di misurazioni assolute, eseguite in una camera anecoica con tutte le accortezze del caso, ma servono unicamente per poter dare un metro di paragone tra tutte le schede che proveremo.

Per quanto concerne la RX 590, il modello in nostro possesso è la Red Devil di PowerColor. Abbiamo notato che consuma molto di più di altre RX 590, come la Sapphire Nitro+: stiamo parlando di ben 40 watt in più. Per cui il distacco tra le altre schede e la RX 590 sotto carico è meno ampio in genere di quel che sembra dal nostro grafico.

I consumi sono davvero contenuti, così come le temperature. La rumorosità del modello Sapphire Pulse RX 5500 XT 4GB testato è davvero contenuta, e in idle il rumore prodotto dal computer è addebitabile solo al resto dei componenti del PC dato che le due ventole non girano.

Conclusioni

La Radeon RX 5500 XT 4GB che abbiamo provato offre buone prestazioni in Full HD e dettagli elevati con la maggior parte dei videogiochi. Su questo non ci sono dubbi. Se siete quindi in cerca di una nuova scheda grafica da abbinare a un monitor 1080p, la RX 5500 XT dovrebbe rientrare nel ventaglio di scelte possibili.

La personalizzazione di Sapphire ci ha convinto appieno: abbiamo una scheda di dimensioni piuttosto compatte, che non fa rumore nemmeno sotto carico e che, udite udite, non ha illuminazione RGB. Gusti e scherzi a parte, le due ventole mantengono temperature molto contenute e lo fanno con eleganza.

Per quanto nessuna delle più recenti schede video di questa fascia di mercato consumi eccessivamente, la RX 5500 XT ci ha piacevolmente colpito sotto questo punto di vista, ed è probabilmente merito del processo produttivo a 7 nanometri, che ha permesso ad AMD di realizzare una GPU di piccole dimensioni ma potente. Al tempo stesso ha aiutato anche l’adozione delle GDDR6.

La diretta concorrente della RX 5500 XT è la GTX 1650 SUPER di Nvidia. Le prestazioni sono simili, in alcuni giochi è meglio la scheda AMD, in altri la scheda Nvidia, ma in nessun caso la differenza è tale da far preferire una delle due sotto il puro profilo prestazionale.

In sintesi, la RX 5500 XT non stravolge il mercato, ma è un prodotto che comunque serviva alla casa di Sunnyvale per svecchiare un’offerta che iniziava a diventare stantia. È plausibile che nel corso dei prossimi mesi, come già visto per altre proposte di AMD, i driver migliorino aumentando le prestazioni della scheda – ma questa è una mera ipotesi basata sull’esperienza.

L’uscita della nuova scheda grafica AMD è accompagnata dai nuovi driver Adrenalin 2020 Edition, completamente rivisti e con tante nuove funzioni. AMD ha fatto un grande passo avanti e ha così colmato uno svantaggio nei confronti di Nvidia che, soprattutto nell’ultimo anno, iniziava a pesare. Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dal lavoro svolto da AMD, e vi parleremo più a fondo nelle prossime settimane di tutte le nuove funzioni.

Arriviamo ora al punto dolente, il prezzo. Ormai è una prassi, ad ogni nuova uscita di scheda grafica non conosciamo i prezzi fino all’ultimo secondo, e dobbiamo attendere alcune settimane dopo il lancio per capire, effettivamente, il posizionamento di mercato. Quella che segue è una nostra valutazione in base ai prezzi che i vari brand ci hanno comunicato poco prima della pubblicazione di questo articolo, e che vedono le nuove RX 5500 XT 4GB vendute a un prezzo di circa 230-250 euro, una cifra superiore rispetto a quella della diretta concorrente GTX 1650 SUPER, venduta mediamente a 180-200 euro.

Se questi prezzi dovessero rimanere tali, non abbiamo dubbi, la GTX 1650 SUPER è una scelta migliore. Solo la presenza di un bundle per le RX 5500 XT, con Monster Hunter World: IceBorn e tre mesi di Xbox Game Pass porta il valore della scheda alla pari con la proposta Nvidia. Ma ovviamente il valore percepito cambierà in base alle preferenze personali.

AMD deve riuscire a vendere la nuova 5500 XT agli stessi prezzi della GTX 1650 SUPER se vuole combattere ad armi pari. Purtroppo il prezzo ha un peso alto sulla decisione d’acquisto, soprattutto in questa fascia, dove 50 euro rappresentano un incremento percentuale di prezzo (o decremento) molto alto.

Se ciò non dovesse accadere, almeno non nell’immediato, la reale concorrente della GTX 1650 SUPER rimane, ancora una volta, la RX 590 / 580, quantomeno sotto il profilo del prezzo e delle prestazioni. Tutto quanto appena detto riguarda ovviamente la RX 5500 XT da 4GB, mentre per la versione da 8 GB vi diamo appuntamento nelle prossime settimane non appena riusciremo a testarla.