Tom's Hardware Italia
Schede Grafiche

Consumo, overclock e undervolt

Pagina 3: Consumo, overclock e undervolt
La Radeon RX 64 tocca temperature elevate. Non c'è margine per l'overclock, ed è rumorosa. Passare al raffreddamento a liquido cambia le cose? Scopriamolo.

Consumo e frequenza alle tre modalità prestazionali

Prima di addentrarci nei risultati relativi al nostro overclock abbiamo voluto confrontare i tre profili relativi a prestazioni/consumi legati alla scheda di AMD. Da sinistra a destra, c'è la modalità Power Saver con 212,8W, la Balanced con 280,2W e quella Turbo con 316,1W, così come le corrispondenti curve di frequenza.

consumo 01
consumo 02
consumo 03
freq 01
freq 02
freq 03

Le frequenze Power Saver e Balanced sono abbastanza stabili. Le cose si fanno veramente frenetiche una volta attivata la modalità Turbo; è chiaramente osservabile il throttling legato al power limit.

Potreste aver notato che questi risultati sono differenti da quelli della scheda raffreddata ad aria del nostro articolo di lancio, poiché non ci sono LED o ventole a influenzare il risultato. Anche le frequenze che misuriamo sono diverse.

Overclock con Power Limit massimo

Persino la versione aggiornata di WattMan distribuita il fine settimana prima del lancio ha dei bug ed è instabile. Far sì che produca risultati affidabili e stabili ha richiesto molto tempo e impegno. AMD consiglia d'impostare il power limit al suo massimo di +50%, ed è quello che abbiamo fatto.

E questo è come si ottengono i 402,4W misurati durante la nostra sessione di test estesa. Questo numero è vicino al limite di 400W di AMD, che non può essere superato a causa del taglio impostato in fabbrica. I trucchi per aggirarlo non hanno funzionato. Qualsiasi ipotetica misura che supera quel valore è senza dubbio falsa. Ecco il grafico a barre di confronto dei consumi:

consumo 04

Quindi che cosa vi restituisce un consumo di 400W? Malgrado i 1800 MHz non realistici, abbiamo osservato AutoCAD 3D funzionare senza generare un vero carico 3D. Le medie stabili ottenute con giochi veri per 30 minuti non mostrano grandi miglioramenti prestazionali se si prende in considerazione l'energia necessaria per arrivarci.

Tutto ciò significa che abbiamo ricevuto un sample inferiore, o che altri recensori hanno ottenuto sample selezionati. O forse che hanno usato semplicemente i driver datati e con bug di cui abbiamo parlato all'inizio dell'articolo. Inoltre, WattMan si è dimostrato ancora instabile nel restituire dati usabili per piccoli overclock. I due valori DPM (dynamic power management) massimi della frequenza manuale e delle impostazioni di tensione sono difettosi e portano a un comportamento inaspettato che può portare al crash del sistema. Aumentare la frequenza tramite l'impostazione percentuale è stato l'unico modo per far funzionare il nostro overclock.

Unigine Heaven si è stabilizzato a 1,7 GHz e 1920×1080 e con le impostazioni di qualità più basse. Doom a Ultra HD ha funzionato solo a 1673 MHz. Il nostro "test di stabilità", The Witcher 3, ha gettato la spugna provando a superare 1,6 GHz.

freq media

Tutti questi risultati, presi insieme, indicano che il consumo è il fattore limitante.

Frequenza vs. prestazioni di gioco

A seconda del gioco la Radeon RX Vega 64 può essere overcloccata tra il 12% e il 18% prima che si verifichi un crash. Questo è il motivo per cui abbiamo fatto funzionare giochi diversi usando sia la modalità Balanced usata per il nostro articolo di lancio che l'overclock massimo possibile in grado di dimostrarsi stabile nel breve termine. Abbiamo saltato i nostri test di stabilità sul lungo termine per tutti i giochi eccetto The Witcher 3 e Doom a causa considerazioni sul tempo che ci avrebbero richiesto. I risultati dei test mostrano che le nostre precedenti conclusioni non erano così sbagliate.

oc

Il magro aumento prestazionale del 12% di Doom – a dispetto di un aumento di frequenza del 18% – non rappresenta un grande scaling. Lo stesso si può dire per le prestazioni il 7% più alte di The Witcher 3, raggiunte aumentando la frequenza dell'11%. Il tutto tenendo presente che "pagate" quel 7% con un aumento del consumo del 44% (o 120W).

È certamente possibile overcloccare la RX Vega 64, ma farlo così non sembra avere molto senso. I giochi che non giravano bene prima non sono diventati improvvisamente più giocabili dopo aver overcloccato la scheda.

E l'undervolting?

L'undervolting ha funzionato bene per Hawaii, Fiji e Polaris. Al momento, con il software attuale, non dà alcun valore aggiunto con Vega. Ridurre manualmente le tensioni per le due impostazioni di frequenza massime porta a dei crash o una frequenza molto più bassa. Di conseguenza non possiamo corroborare le indiscrezioni secondo cui l'undervolt aumenta il potenziale di overclock della RX Vega 64.

Sfortunatamente abbiamo un solo sample, quindi è difficile dire se siamo stati limitati da un sample sfortunato di Vega 10, dal software incompleto o dall'aver riportato onestamente la situazione laddove altri l'hanno addolcita. La verità, comunque, trova sempre modo di emergere. Non possiamo nemmeno confrontare i nostri risultati a quelli della Vega Frontier Edition perché l'ultimo driver di AMD per la RX Vega 64 disabilita completamente la modalità gaming, e con essa WattMan, con la Frontier Edition.

Raffreddare 400W e overclock massimo

Ora il punto è come gestire 400W di calore disperso. Dopo 30 minuti di The Witcher 3, la temperatura della GPU misurata si fissa su 52 °C.

consumo 05

È un buon risultato per un dissipatore a liquido all-in-one con un radiatore da 240 mm relativamente piccolo. Non può davvero fare molto di più.

consumo 06

Se siete appassionati di silenziosità o temperature ridotte, avrete bisogno di un buon radiatore da 360 / 480 mm. In tal caso, anche la CPU potrebbe essere inclusa nel loop.