Hardware

Sarà il Natale tech peggiore di sempre

Produttori, rivenditori e consumatori sono stati afflitti dalla carenza di chip nell’ultimo anno e mezzo. Queste scarse disponibilità sono ora aggravate dalla carenza di prodotti che vanno dalla plastica ai container utilizzati per spostare le merci in tutto il mondo. Molti consumatori si affidano al web per assicurarsi che i prodotti desiderati siano disponibili e consegnati in tempo per le vacanze e altre occasioni speciali: sfortunatamente per questi consumatori, l’esperienza di acquisto online di quest’anno potrebbe non offrire la comodità, i vantaggi e i risparmi a cui sono abituati. Potrebbe essere il Natale tech peggiore di sempre.

Dal 2020, la carenza mondiale di semiconduttori ha avuto un grave impatto sulla capacità di produrre e acquistare costantemente beni che vanno dall’hardware dei computer alle automobili. Come spiega TechSpot, il 2021 ha introdotto diversi fattori aggiuntivi che hanno ulteriormente messo a dura prova la già in difficoltà della catena di approvvigionamento globale. Non è più solo una carenza di semiconduttori; i consumatori stanno ora combattendo contro una carenza di lavoratori qualificati, plastica, contenitori per spedire manufatti e persino i porti necessari per portare questi beni sul mercato.

I container in acciaio, ad esempio, sono diventati essi stessi una merce. Ma è la loro disponibilità, non la quantità, a creare il problema. L’aumento dell’uso dei container è ostacolato dai container precedentemente bloccati e dalle continue interruzioni delle spedizioni del 2021 che spesso lasciano centinaia o migliaia di container bloccati in mare. Alcune navi che raggiungono la loro destinazione senza ostacoli si trovano ancorate senza un posto dove scaricare il loro carico a causa di porti marittimi e interni che già operano a pieno regime. Il risultato? Merci e materiali non hanno modo di spostarsi dal punto A al punto B, mettendo ulteriormente a dura prova una catena di approvvigionamento globale già ostacolata.

Anche le materie prime necessarie per la produzione di alcune materie plastiche, come polietilene (PE), polipropilene (PP) e monoetilene (MEG), scarseggiano dal 2020. Le forniture di prodotti chimici sono state ulteriormente limitate a seguito della tempesta di ghiaccio della costa del Golfo di quest’anno, con un impatto negativo sul più grande complesso petrolchimico del mondo, situato in Texas. Queste sostanze chimiche vengono utilizzate per produrre qualsiasi cosa, dall’elettronica di consumo agli imballaggi per alimenti, e l’impatto della loro mancanza di disponibilità si fa ancora sentire in diversi settori oggi.

Dato il numero di fattori che influenzano la disponibilità e la consegna dei prodotti, i consumatori dovranno pianificare in anticipo, nonché ordinare per tempo eventuali regali di Natale. Inoltre molti ritengono che il Black Friday di quest’anno potrebbe essere ancora più nero del solito per chi acquista online.