Periferiche di Rete

Sei router economici a confronto

Pagina 1: Sei router economici a confronto

Introduzione

Negli ultimi tempi i router si sono fatti strada nei piccoli uffici e nelle installazioni home-office; a differenza dagli scarni e vuoti router a basso costo dell’anno scorso, le novità che popolano il mercato odierno integrano un discreto numero di caratteristiche, come firewall basati su SPI e UpnP, che faranno certamente felici gli utenti.

Tutti i prodotti presenti in questa recensione sono funzionali, utilizzano un quantitativo ridotto di memoria (da 2 a 16 MB) e processori che integrano switch 10/100 che mantengono i costi su livelli del tutto accettabili. Tre di questi router sono basati sul chip Marvell 88E6218 Link Street SOHO Integrated Gateway, due utilizzano l’Infineon ADM5120P e uno usa l’Amlogic AMRISC 9041. È la prima volta che mettiamo le mani su una soluzione con chip Amlogic, ma vedrete che ha tutto le carte in regola. Tra le tante cose è l’unico chip che non integra uno switch.

Una delle caratteristiche sempre più comuni dei router moderni, che però non troverete in nessuno dei prodotti testati, è la capacità wireless, poichè la sua integrazione riporta facilmente un router sopra il nostro prezzo di target di circa 25 euro.

Le caratteristiche disponibili su un dispositivo specifico sono varie, tuttavia ci sono diverse caratteristiche in comune tra i vari prodotti. Ogni dispositivo include quattro porte MDI/X 10/100 LAN e una MDI/X 10/100 WAN, un server DHCP (che può essere disabilitato), e funzionalità DMZ. Il pannello amministrativo di tutti questi prodotti è accessibile tramite web browser e può essere utilizzato per aggiornare il firmware (da un file opportunamente scaricato).

Infine, tutti i router supportano IP statico e dinamico, e protocolli PPPoE per le loro connessioni WAN. Un’altra caratteristica comune è la capacità dei firewall di bloccare i ping WAN (eccetto per lo Zonet), insieme alla mancanza del supporto per il blocco di proxy o JavaScript.