Periferiche di Rete

Un datacenter da record sorgerà al Circolo Polare Artico

Circolo polare artico, terra di orsi polari e ghiaccio (per ora), ma presto anche del più grande datacenter al mondo. L'impianto sarà creato nella città norvegese di Ballangen e sarà realizzato dall'azienda Kolos, di proprietà statunitense e norvegese, che conta sull'aria fresca e l'abbondante energia idroelettrica disponibile in loco per contenere il più possibile i costi.

Kolos ha fatto sapere di aver già raccolto per il progetto diversi milioni di dollari da parte di investitori privati norvegesi e sta lavorando con una banca d'investimenti statunitense per ottenere gli ulteriori fondi necessari.

kolos datacenter 01

Inizialmente il centro dati dovrebbe necessitare di 70 megawatt (MW) di potenza, ma entro un decennio l'azienda intende aggiungere così tanti server da richiedere oltre 1000 MW. Una volta completato, il centro di Ballangen coprirà 600.000 metri quadri e si estenderà su quattro piani.

Secondo quanto riportato dalla BBC, si tratta di un'area maggiore rispetto all'attuale datacenter più grande al mondo, un impianto a Langfang in Cina, ma è leggermente più piccola rispetto al progetto di un centro ancora in sviluppo in Nevada.

ballangen

Il datacenter norvegese dovrebbe trarre vantaggio dal fatto che in passato erano state installate grosse quantità di cavi in fibra ottica lungo una ferrovia costruita per trasportare il ferro in Svezia. Inoltre sono state create dighe e impianti eolici nella zona.

kolos datacenter 02

"È letteralmente il costo energetico più basso in Europa – e il 100% della potenza è rinnovabile su una delle griglie più stabili del mondo", ha affermato il codirettore Kolos, Mark Robinson, alla BBC. "È in una regione del pianeta che è naturalmente fresca e ha l'umidità ideale, quindi possiamo mantenere i server freschi senza doverli raffreddare artificialmente. Ha accesso illimitato ad acqua fresca e pulita come fonte di raffreddamento secondaria. E c'è un'università nelle vicinanze, da cui escono 200 studenti di tecnologia all'anno – l'idea è di impiegarne alcuni".

Tra le ricadute del datacenter si parla di 2000 / 3000 nuovi posti di lavoro e un indotto di 10.000 / 15.000 impieghi nell'area. Per quanto riguarda il successo di questa operazione, è quasi scontato.

"Difficilmente vedremo la domanda da parte dei consumatori scendere e c'è la promessa dell'Internet of Things, con milioni di sensori che genereranno informazioni che dovranno essere processate. Perciò, al meno di tecnologie radicalmente nuove che aiuteranno a comprimere i dati, avremo bisogno delle risorse che questi impianti offrono", ha affermato David Groombridge, research director di Gartner.

Quello di Kolos è solo uno dei tanti progetti per sfruttare il clima della zona: Mark Zuckerberg, nei mesi scorsi, ha postato su Facebook alcune foto dell'innovativo datacenter situato in Europa, per la precisione in Svezia, a Luleå, ai confini del Circolo Polare Artico.


Tom's Consiglia

Il riscaldamento globale è una realtà. Per sfuggire alla calura ti serve un climatizzatore portatile.