Software

Windows 10, con l’update KB4512941 Cortana usa troppo la CPU

Dopo aver installato l’aggiornamento facoltativo KB4512941, reso disponibile da Microsoft per Windows 10 1903 come update cumulativo nei giorni scorsi, alcuni utenti stanno segnalando il comportamento anomalo del processo SearchUI.exe, legato a Cortana.

Più precisamente si osserva un uso della CPU elevato, con picchi improvvisi. All’origine di questo comportamento sembra esserci una versione “buggata” di Cortana, che dà problemi a quegli utenti che hanno disabilitato la possibilità di inviare ricerche locali a Bing tramite il Registro di sistema o policy di gruppo.

Se questa funzione è disabilitata, Cortana andrà a occupare eccessivamente la CPU e la ricerca di Windows potrebbe mostrare risultati di ricerca vuoti. Un utente su Reddit ha pubblicato uno screenshot esemplificativo, dove si vede Cortana occupare la CPU per il 40%.

Ci sono tre possibili soluzioni per risolvere questo problema: abilitare BingSearch, rimpiazzare la cartella Cache di Cortana con una versione precedente o più semplicemente disinstallare l’aggiornamento.

Se non volete disinstallare l’aggiornamento, dato che comunque dovrebbe contenere altri fix trattandosi di un “cumulativo”, potete abilitare BingSearch temporaneamente impostando il valore BingSearchEnabled su 1 nel Registro di sistema. Il percorso da seguire è il seguente: [HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Search] “BingSearchEnabled” = 1

Per quanto riguarda la cancellazione della cartella cache, alcuni utenti hanno avuto successo sostituendo la cartella C:\Windows\SystemApps\Microsoft.Windows.Cortana_cw5n1h2txyewy\cache\ con una copia della versione precedente di Windows contenuta in C:\Windows.old. Questo metodo sembra però risolvere solo il problema legato all’eccessivo uso della CPU, non quello della ricerca.

Nel momento in cui scriviamo Microsoft, nella pagina relativa all’update, afferma di “non essere a conoscenza di eventuali problemi con questo aggiornamento”, ma è auspicabile che nelle prossime ore la casa di Redmond analizzi la situazione. Nel caso trovi effettivamente dei problemi, l’update sarà rimosso da Windows Update e ne sarà rilasciata una versione riveduta e corretta al più presto.