Tom's Hardware Italia
Apple

Apple limiterà le funzioni di chiamate VoIP su app come WhatsApp

Con iOS 13, Apple sta cercando di limitare l’utilizzo dei processi VoIP in app come WhatsApp e Facebook Messenger per bloccare l'esecuzione di alcune attività in background durante le chiamate via Internet, come la raccolta dati.

Apple sta introducendo un’importante limitazione con iOS 13, la prossima versione del sistema operativo dell’azienda di Cupertino. Secondo quanto riportato da The Information, Apple sta cercando di limitare l’utilizzo dei processi VoIP da parte di applicazioni come WhatsApp e Facebook Messenger per bloccare la possibilità di eseguire alcune attività in background durante le chiamate via Internet.   

In pratica, attualmente la funzione di chiamata nelle applicazioni come quelle già citate viene eseguita in background anche se non viene utilizzata. Il principale motivo è la possibilità di connettere le chiamate più velocemente ma ciò permette anche di eseguire altre attività come – per esempio – la raccolta di dati. È proprio questo che Apple vuole evitare.

Per far ciò, il colosso californiano sta apportando delle modifiche in iOS, in particolar modo alle API dedicate al VoIP. Questo costringerà gli sviluppatori delle applicazioni che utilizzano le funzioni di chiamate via Internet a riprogettare i loro servizi e a modificare i loro codici. Secondo quanto riferito dalla fonte, gli sviluppatori avranno tempo fino ad aprile 2020 per conformarsi alle nuove regole.

In tal senso, Facebook ha specificato che le API VoIP PushKit vengono utilizzate per “offrire un’esperienza di messaggistica privata di altissima qualità, non per raccogliere dati” ma che sia adeguerà alle nuove restrizioni di Apple con la quale sta collaborando.

D’altro canto, Apple spiega che queste modifiche non solo garantiranno maggiore privacy e sicurezza agli utenti ma preserveranno la durata della batteria e assicureranno risultati migliori in termini prestazionali. Come ben sappiamo, infatti, le attività in background consumano risorse di sistema avendo un impatto sull’autonomia della batteria. In conclusione, con iOS 13, PushKit verrà utilizzato dalle applicazioni solamente per gestire le chiamate via Internet ma non potranno effettuare nessun’altra attività non necessaria a questa funzione.

iPhone Xr è acquistabile con uno sconto di quasi 200 euro su Amazon a questo link.