Android

BlackBerry 10 arriva a fine gennaio per risollevare RIM

RIM presenterà BlackBerry 10 il prossimo 30 gennaio con due nuovi smartphone. L'azienda ha comunicato in via ufficiale il giorno in cui proverà a rinnovare la propria immagine agli occhi dei concorrenti e dei consumatori grazie alla prossima versione del suo sistema operativo mobile.

BlackBerry 10 sfrutterà l'integrazione con Facebook e Twitter, e includerà le funzioni BlackBerry Hub e BlackBerry Flow. La prima è un software per gestire mail e messaggi, oltre a tutte le comunicazioni con BlackBerry Messenger e i social network. Questo programma supporta la gestione di più utenti e mostra inoltre gli appuntamenti presenti nel calendario personale.

Flow permette invece di spostarsi tra diverse app tramite alcune finestre con dimensioni ridotte e senza il bisogno di eseguire più passaggi, come è necessario fare in altri sistemi operativi mobile.

BlackBerry 10 disporrà anche di un negozio di app, in modo simile ai principali concorrenti, che sarà chiamato App World. RIM ha dichiarato che al debutto ci saranno almeno 100 mila software disponibili e allo stesso tempo saranno presenti anche brani musicali e film da acquistare. L'azienda ha comunicato inoltre che garantirà guadagni minimi di 10 mila dollari agli sviluppatori di programmi, a patto che fruttino un minimo di 1000 dollari durante il primo anno sull'App World.

Tra le ultime novità riguardo questo sistema operativo c'è la certificazione statunitense FIPS 140-2, che attesta il superamento dei requisiti minimi di sicurezza richiesti per farlo "entrare in servizio" nelle agenzie governative degli Stati Uniti. Secondo recenti indiscrezioni uno dei primi telefoni con BlackBerry 10 sarà il "London", uno smartphone con schermo da 4,2 pollici, piattaforma basata su architettura Cortex A9 e supporto a reti LTE e NFC.

Un prototipo di smartphone Blackberry 10 – Clicca per ingrandire

Ricordiamo che l'azienda naviga da diverso tempo in una situazione finanziaria critica e che – in base alle ultime analisi – nell'ultimo trimestre ha distribuito il 35% circa di prodotti in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Per scoprire se riuscirà a risollevarsi dobbiamo attendere i prossimi mesi. Ce la farà a raggiungere i suoi obiettivi, tenendo conto dell'agguerrita concorrenza rappresentata da Android, iOS e Windows Phone?