Tom's Hardware Italia
Android

Blackberry Priv costa 780 euro, con Android 5 e tastiera fisica

Blackberry ha comunicato il prezzo ufficiale del Priv, smartphone da 5,4 pollici con Android 5.1 e tastiera fisica. Un prezzo molto alto nel mondo Android, destinato senz'altro a ridursi nel tempo. Il successo di questo dispositivo potrebbe decretare la sorte dell'azienda.

Ci vogliono 779 euro un Blackberry Priv, il nuovo smartphone Android realizzato dall'azienda canadese – e il primo con il sistema operativo sponsorizzato da Google. Il prezzo indicato è quello annunciato dalla stessa Blackberry per Italia e Germania. Lo si può prenotare su Amazon con un prezzo indicato pari a 899 euro, ma dovrebbe trattarsi solo di un "segnaposto" – il prezzo finale dovrebbe essere pari o inferiore a quello ufficiale.

blackberry priv hero

Come sempre, chi è interessato dovrebbe attendere un po', perché entro qualche settimana il prezzo reale dovrebbe scendere anche di molto. Pagare oggi 780 euro per questo smartphone sembra davvero un azzardo, considerando che con meno della metà ci sono alternative valide come l'Honor 7 o l'LG G4. Ma il Priv ha delle qualità proprie che per qualcuno potrebbero fare la differenza.

Il Blackberry Priv è uno smartphone con touchsreen da 5,4 pollici (2560×1440, 540 PPI, AMOLED) protetto da Gorilla Glass 4. All'interno ci sono un SoC Qualcomm Snapdragon 808, 3 GB di RAM e 32 GB di storage espandibili con micro SD. La fotocamera posteriore ha un sensore BSI da 18 MP con ottica f/2.2, stabilizzazione ottica, e flash bitonale. La batteria da 3.410 mAh non è estraibile.

A rendere forse più interessante questo smartphone è la tastiera QWERTY completa, che compare facendo scorrere lo schermo verso l'alto. Una scelta che porta lo spessore a 9,4 mm, ma è sicuramente un compromesso accettabile per chi ci tiene a questo aspetto. La vera domanda è piuttosto: a quanti interesserà la tastiera fisica, nel 2015?

Nei primi test l'autonomia si è dimostrata molto buona e l'interfaccia piuttosto fluida, con la personalizzazione Blackberry che si "intromette" solo di tanto in tanto. Anche gli altoparlanti frontali sono molto validi. Blackberry inoltre si è concentrata molto per migliorare sicurezza e privacy: c'è un modulo crittografico certificato (FIPS 140-2), un sigillo che svela eventuali manomissioni, e – secondo l'azienda – modifiche al kernel che lo rendono più sicuro. Anche gli ultimi telefoni Android applicano sempre la crittografia, ma con il Priv la differenza è la certificazione.

Tra le applicazioni preinstallate c'è anche DTEK – disponibile su Google Play anche per altri terminali. Sul Priv inoltre è presente il lockscreen di Blackberry, che propone un meccanismo di accesso davvero molto solido – e naturalmente meno comodo rispetto a quelli comunemente usati.

Vedremo tra qualche giorno una recensione completa, ma per il momento possiamo dire che è un prodotto eccellente; per chi è già disposto a spendere certe cifre potrebbe valerne la pena; per la tastiera fisica, per la sicurezza migliorata o per l'autonomia.  

blackberry priv kb

A proposito del software Blackberry, i più smaliziati saranno quindi felici di sapere che è possibile installarlo su molti smartphone Android 5.1 e successivi, se si ha l'accesso di root. Volendo è possibile recuperare anche il file APK per installare BB Calendario, un'applicazione di produttività piuttosto apprezzata.

A questo punto è doveroso tornare a quanto detto dall'amministratore delegato John Chen, qualche settimana fa. Se il Priv non dovesse avere successo, Blackberry potrebbe anche ritirarsi dal mondo degli smartphone. Ma come farà ad avere successo con un prezzo tanto alto?

Sembra davvero una missione impossibile. E non perché il prodotto non sia valido, sappiamo che anzi è un ottimo smartphone. Il fatto è che nella fascia alta (di prezzo) di smartphone Android se ne vendono pochissimi. Chi ha un budget alto sceglie quasi sempre un iPhone, e sull'altro fronte ci sono i marchi cinesi a proporre prodotti validi a prezzi bassissimi. Blackberry forse avrebbe dovuto spingere un po' meno sulle specifiche e cercare di contenere il prezzo, ma forse l'esperimento Priv potrebbe anche funzionare. Che ne pensate? 

Blackberry Priv Blackberry Priv
Honor 7 Honor 7
LG G4 LG G4