Tom's Hardware Italia
Windows

Continuum for Phones trasforma lo smartphone in PC Windows 10

Microsoft ha mostrato come la funzione Continuum For Phones ha la potenzialità per trasformare uno smartphone in un vero e proprio PC. Collegando tastiera, mouse ed eventualmente uno schermo esterno viene visualizzata l'interfaccia desktop.

Gli smartphone Windows 10 possono diventare dei mini PC desktop con la funzione Continuum presentata ieri da Microsoft. Si tratta di quella funzione, già anticipata in passato, grazie a cui Windows 10 cambia interfaccia quando si collegano tastiera e mouse. 

windows 10 continuum for phones

Se le periferiche d'inserimento sono presenti viene visualizzata la tradizionale interfaccia desktop con il nuovo Menu Avvio. Diversamente avremo l'interfaccia Modern UI, con le applicazioni a schermo intero e i comandi delle stesse leggermente modificata. 

Se questo comportamento è relativamente scontato per un tablet o un convertibile come il Surface o il Lenovo Yoga, è una sorpresa invece che questa possibilità sia presente anche su smartphone come il recente Lumia 640, con il nome di Continuum For Phones.

Questo significa che collegando tastiera e mouse Bluetooth allo smartphone potremo usarlo come un PC desktop con la relativa interfaccia. Non sarà semplice ovviamente, viste le dimensioni dello schermo, ma la potenzialità sono senz'altro interessanti.  

Questa opzione va a braccetto con il rinnovato sforzo per la creazione di Universal Apps naturalmente, che prevede anche al pubblicazione di applicazioni Win32 nello store. Ma è vero anche il fatto che si potrebbe collegare anche uno schermo esterno allo smartphone, e avere così a disposizione un PC vero e proprio.

La potenza hardware ovviamente è limitata (per ora), non parliamo certo di un potente processore Intel o AMD. Ma si potrebbe pensare di arrivare in ufficio, collegare il telefono alla postazione, e usare Word, Excel, Internet Explorer e Outlook come da un normale computer desktop.

Joe Belfiore di Microsoft ha mostrato infatti uno smartphone Windows collegato a uno schemro esterno, e almeno a prima vista poteva sembrare un PC con Windows 10. Questo Continuum For Phones è davvero notevole, e ha il potenziale per cambiare l'aspetto dei nostri uffici e delle installazioni domestiche.  

Non sarà possibile tuttavia sfruttare subito Windows Continuum al massimo del suo potenziale, perché prima è necessario realizzare e mettere in commercio smartphone che possano gestire una configurazione simile – con lo schermo esterno.

Con Continuum for Phones abbiamo comunque un altro segnale di come il dispositivo personale, lo smartphone e il tablet, sia sempre più un sostituto del "vecchio" PC. Ci sarà sempre qualcuno, giocatori e professionisti, che avrà bisogno di un processore potente, di una scheda grafica ad alte prestazioni, di un hard disk capiente e così via. Sempre più persone però possono "accontentarsi" dei dispositivi mobile, con l'uso di servizi cloud e con innovazioni come Windows Contiumm. Quando arriverà il vostro momento di mandare in pensione il PC?