Android

Honor con servizi Google? Scacco matto a Huawei!

E’ chiaro come da sempre Honor e Huawei avessero in comune la stessa tecnologia, sia che si parli di software sia che si parli di hardware.

Ora che è diventata un’azienda indipendente però, potrebbe avvalersi di un incentivo non da poco: riappropriarsi dell’utilizzo dei servizi Google GMS. Per Huawei, con il presidente Bidenle cose potrebbero non cambiare, almeno non nell’immediato.

Anche se l’interfaccia utente Honor è chiamata Magic UI, l’influenza dei dettami Huawei a livello software era ed è più che evidente. Tra le altre cose l’azienda figurava come branchia di Huawei ed è per questo che nella lista nera di Trump ci è finita con tutti e due i piedi, senza nemmeno essere nominata.

Ma ora è diverso perché Honor da indipendente non rientra nella logica di quella lista, per lo meno non con le attuali regole. Quindi, al netto di ciò, gli attuali e prossimi smartphone Honor con i HMS proseguiranno con gli stessi oppure con un aggiornamento si virerà sugli GMS?

E se il ragionamento fosse positivo e corretto, parlando di hardware, sarà congruo pensare che Honor non avrà più alcuna limitazione a fare affari con le aziende USA per la fornitura di SoC, Qualcomm ad esempio. Questo vuol dire avere smartphone all’avanguardia, con tecnologia 5G ready, soprattutto nella fascia media dove Honor è forte con molti dispositivi best buy.

Per chi legge l’articolo e possiede uno smartphone Honor, state tranquilli, il brand ha comunicato che seguirà i suoi prodotti per tutto l’arco dei due anni di supporto con aggiornamenti di sicurezza e major release.

Ma indubbiamente più di qualcosa cambierà e, visto che ha già un nome, siamo curiosi di capire in che prospettiva.

E’ un ottimo momento per acquistare il Huawei P40 Lite. A poco più di 150 euro nella sua versione 128 GB, lo trovate qui.