Apple

Le Live Photos dell’iPhone 6s saranno compatibili con altri dispositivi

Tra le varie novità, più o meno importanti, introdotte dai nuovi iPhone 6s e 6s Plus presentati due giorni fa, c'è indubbiamente la funzione Live Photos, non un'innovazione assoluta visto che qualcosa di simile si può fare già da tempo sia su Android che su Windows Phone, ma comunque un'aggiunta gradita.

In pratica con Live Photos l'utente potrà mettere assieme una breve sequenza animata, di un paio di secondi, composta da alcune foto catturate in precedenza e abbinate a un brano musicale, il tutto in un file che peserà appena il doppio di una fotografia normale catturata dalla nuova fotocamera da 12 Mpixel.

live photos

Ma come funziona esattamente questa soluzione? Sicuramente ne sapremo di più dal prossimo 25 settembre, quando cioè i primi smartphone giungeranno sugli scaffali degli Apple Store statunitensi, ma nel frattempo già ieri, durante la presentazione, sono state date alcune indicazioni tecniche, oggi ulteriormente approfondite da diversi colleghi.

Sostanzialmente nel momento in cui si avvia la fotocamera l'iPhone 6s comincia ad acquisire già un video, che sarà poi salvato e abbinato alla foto solo nel momento in cui quest'ultima viene effettivamente catturata. La musica invece è su una traccia a parte, poi integrata nel file finale.

iphone 6s

La novità è che il tutto sarà leggibile anche su dispositivi con sistemi operativi differenti, grazie all'utilizzo del formato JPEG.

In molti si staranno chiedendo come sia possibile visto che le JPEG sono statiche, ma come spiegato da alcuni colleghi, la confusione nasce dal fatto che in realtà il termine JPEG definisce solo lo standard di compressione, non il formato con estensione JPG, che è solo un contenitore.

Il file in realtà dovrebbe essere una GIF animata, ma compressa appunto tramite JPEG, cosa che non implica però appunto che l'estensione del file sia JPG.