Apple

L’iPhone 6 costa 154 euro di manodopera e componenti

L'iPhone 6 da 16 GB costa 593 euro in Italia (escluse le tasse), ma Apple tra costo del lavoro e accessori spende circa 154 euro per farselo produrre. Ovviamente si tratta di una stima, per di più con conversione euro/dollaro, ma di solito la società di ricerca IHS non sbaglia. Poche ore fa ha pubblicato un rapporto dettagliato sul costo di ogni singolo componente dei nuovi iPhone e dell'attività correlata per il loro assemblaggio. Com'è risaputo tutto non si riduce ai soli costi vivi – non bisogna dimenticare distribuzione, marketing, ricerca, progettazione, eccetera – però da qualche dato tangibile bisogna comunque partire.

Iphone 6

Ad ogni modo Apple spende tra i 200 e i 247 dollari per l'iPhone 6 e tra i 216 e 263 dollari per l'iPhone 6 Plus. Da ricordare che i listini statunitensi (tasse escluse, comunque inferiori al 10%) sono compresi tra 649 e 849 dollari nel caso del modello piccolo, e fra 749 e 949 dollari nel caso del Plus.

Il costo del lavoro pesa sempre tra i 4 e i 4,50 dollari a prodotto. Considerando i listini statunitensi i margini di guadagno sono del 69% per le versioni da 16 GB e del 70% per quelle da 128 GB. In pratica in linea con la serie 5, ma su un altro pianeta rispetto al primo iPhone presentato nel 2007, quando la quota era del 55%.

Se si considerano i listini europei si scopre che i margini sono leggermente più alti del 70%.

I costi dell'iPhone 6 e iPhone 6 Plus

Il componente più costoso rimane l'accoppiata schermo e touchscreen, forniti da LG Display e Japan Display. Per l'iPhone 6 si parla di 45 dollari (al cambio 34,65 euro) e per il Plus di 52,50 euro (40,42 euro). Da rilevare che il piccolo LCD da 4,7 pollici costa solo 4 dollari in più rispetto al vecchio 4 pollici dell'iPhone 5S. Il vetro di protezione è in Gorilla Glass 3.

Il processore A8 e i coprocessori dovrebbero costare circa 20 dollari, quindi 3 dollari in più degli A7. Confermata la principale fornitura TSMC (60%), anche se Samsung pare essere ancora della partita (40%). Da rilevare che i chip NFC di NXP Semiconductors sono abbinati a una sorta di "booster" di segnalare realizzato da Ams AG. Questi elementi insieme a tutti gli altri sensori dovrebbero pesare come costi per circa 22 dollari.