Android

Nexus 6P si conferma fragilissimo e Nexus 5X fa le foto al rovescio

Dopo aver dimostrato una volta per tutte, in un'unica ripresa, che il Nexus 6P si spezza come niente con una pressione non troppo esagerata delle sole mani, oggi emerge un altro problema di gioventù del phablet di Huawei legato, ancora una volta, alla sua fragilità.

Diversi acquirenti infatti lamentano uno strano fenomeno, ovvero la rottura apparentemente spontanea del vetro posteriore che protegge fotocamera, flash e modulo dell'autofocus laser. Su Twitter e Reddit sono spuntati vari scatti che ritraggono Nexus 6P nuovi e senza evidenti segni di cadute, con il vetro in questione completamente lesionato. La ragione, se non è imputabile ad eventuali urti, potrebbe essere da ricercare in una scarsa tolleranza alle escursioni termiche del vetro e del metallo.

Nexus 6P cracked

È possibile, ad esempio, che dopo un uso prolungato lo smartphone si sia scaldato molto e poi, dopo essere stato poggiato su una superficie fredda, si sia manifestato il suddetto problema. Sarà curioso vedere come Google e Huawei affronteranno il problema, considerando che tutti i Nexus 6P protagonisti di questa rottura sembrano non aver mai toccato rovinosamente il suolo.

Anche Nexus 5X è stato al centro di alcune segnalazioni dagli utenti: le foto vengono al rovescio utilizzando applicazioni per la fotocamera di terze parti. Ma in questo caso non è un problema hardware né software ed è solo legato al fatto che alcuni sviluppatori non hanno ancora implementato le Camera2 API nelle loro app.

Google impone ai produttori determinate specifiche per l'installazione dei sensori negli smartphone, tra cui l'allineamento che il sensore deve avere rispetto alla scocca del dispositivo, ovvero che i lati più lunghi di entrambi devono essere allineati. Non essendo specificato l'orientamento però, LG ha montato il sensore al rovescio. Le nuove API per la fotocamera interpretano il segnale della fotocamera nel modo corretto, mentre le vecchie no. Basta un aggiornamento alle app o usare l'applicazione stock di Android per far tornare le foto alla normalità.