Tom's Hardware Italia
Android

Test Autonomia: risparmio energetico quando serve

Pagina 8: Test Autonomia: risparmio energetico quando serve
Galaxy S5 è uno smartphone Android top di gamma, dotato anche di un lettore d'impronte digitali e un rilevatore di battito cardiaco.
voto4,5

Test Autonomia: risparmio energetico se serve

La batteria da 2800 mAh ferma il cronometro a poco meno di undici ore e mezza. Ricordiamo che il nostro test si compone di un mix di attività, cioè navigazione web su Wi-Fi, navigazione 3G, visualizzazione di video, chiamate, ascolto di musica e videogiochi, in sessioni da 30 minuti, intervallate da sessioni di stand by sempre da 30 minuti. La connettività 3G è sempre accesa ed è attiva la sincronizzazione. Lo schermo è regolato a 200 cd/m2. Questo rappresenta un test intensivo, con un uso più leggero la batteria dura più a lungo, ma è importante considerare un valore con uno scenario reale, che si avvicina all'autonomia minima.

S5 è dotato di due profili di risparmio energetico, uno normale che disabilita i dati in background ma può anche limitare le prestazioni del SoC e i colori visualizza a schermo, limitandosi a una scala di grigi. Una modalità avanzata che abilita la scala di grigi, limita i dati e anche le applicazioni utilizzabili.

Il risultato di circa 11 ore e mezza in modalità normale, con tutti i dati attivi, è un buon risultato. Arriverete fino a sera dopo un'intera giornata lavorativa, con un uso intensivo, e se vorrete prolungarne l'uso fino a tarda notte, potrete usare le modalità di risparmio energetico.