Smartwatch

Smartwatch per bambini Paw Patrol, recensione

Se state pensando di prendere uno smartwatch per bambini, questo modello di Technaxx offre una soluzione piuttosto economica, e grazie a un’azzeccata scelta tematica, piacerà molto ai piccoli della famiglia.

Design

Il Paw Patrol Kids-Watch Blue è un dispositivo estremamente semplice. La cassa è realizzata in plastica e gomma, con uno schermo quadrato da 240×240 pixel protetto da quella che sembra plastica ad alta resistenza. La società non dice, nelle specifiche, se si tratta di Gorilla Glass, ma visto il prezzo diremmo che non lo è.

Tre lati della cassa sono completamente sgombri; a sinistra, invece, troviamo uno sportellino di gomma, dietro al quale si nasconde il connettore micro-USB per la ricarica. Immediatamente al lato troviamo l’unico pulsante, che serve per accendere/spegnere e per attivare lo schermo. Il design non è resistente all’acqua, quindi andranno evitate docce e bagni in piscina.

Il cinturino è in gomma, non di altissima qualità, ed è azzurro con disegni a tema Paw Patrol. La fibbia è in acciaio inox, e i molti fori permettono di adattare l’orologio a molte misure: andrà bene a bambini e bambine fino a 10 anni circa.

Intorno allo schermo ci sono cornici abbastanza spesse; quella superiore è più grossa delle altre ma è dove trova spazio anche la fotocamera, da usare per farsi selfie o registrare semplici video.

È possibile togliere la scocca inferiore, e accedere così allo slot microSD sotto alla batteria. Questa è anche l’unica soluzione per trasferire fotografie e video, nel caso ce ne fosse qualcuna che volete conservare altrove. Diversamente, restano tutte dentro alla memoria dello smartwatch. Accedere allo slot microSD, tuttavia, risulta davvero molto difficile … anche per un adulto.

Software

Attivando lo schermo con il relativo pulsante, si vede subito l’orologio: il quadrante di default mostra un orologio analogico, con i protagonisti di Paw Patrol in primo piano. Una scelta che apprezziamo perché può aiutare i bambini che stanno imparando a leggere le lancette.

Toccando lo schermo si accede alle varie app disponibili: si scorre a destra e sinistra per cambiare pagina, e con uno swype da sinistra a destra si può tornare indietro. Quest’ultimo comando non funziona molto bene, ma in alternativa si può ricorrere al tasto di attivazione.

Le applicazioni installate includono tre videogiochi, un’app per fare video e un’altra per fare foto, contapassi, galleria fotografica, microfono per registrare audio, sveglia e calcolatrice. C’è anche il menu impostazioni, da cui modificare lo sfondo, data e ora, il formato dell’orologio e così via. Nell’insieme un pacchetto completo.

Non c’è una connessione (Wi-Fi o 3G), e manca un’app di accompagnamento per lo smartphone dei genitori, così come il GPS per la localizzazione. Non è per forza un difetto, ma oggigiorno molti genitori voglio strumenti di controllo sui dispositivi dei loro figli, compresa la localizzazione via GPS. Per molti, sarà una mancanza.

Conclusioni

Nell’insieme questo smartwatch ha tutto l’aspetto di un giocattolo, dai materiali all’apparente resistenza, passando dalla qualità dello schermo (molto bassa), e fino alle funzioni del software.

Potrebbe essere adatto a bambini molto piccoli, fino a sei anni, per via del tema: la serie Paw Patrol è infatti un prodotto indirizzato alla prima infanzia, e a 6-7 anni forse comincia a risultare un po’ noioso.

Una scelta difficile da comprendere e che non ci trova del tutto concordi: da una parte uno smartwatch giocattolo può avere senso a partire dai 7-8 anni, ma dall’altra Paw Patrol non è una scelta particolarmente azzeccata per quella fascia di età.

Per il resto il prodotto può essere divertente: i bambini ameranno portarlo, grazie ai colori e a ai disegni, potranno fare pratica con la lettura delle lancette grazie al quadrante analogico, e si divertiranno con foto e video.

I giochi preinstallati invece sono un orpello di cui si poteva fare a meno: ci si gioca qualche minuto, ma quasi subito l’interazione con uno schermo così piccolo fa passare tutto il divertimento. Forse, ogni tanto, potrebbe essere una risorsa utile per quando si sta aspettando di essere serviti al ristorante – un momento in cui i bambini chiedono il telefono di un genitore. Ma per il resto sono una cosa pressoché inutile.

L’autonomia dichiarata dal produttore è di 15 giorni, ma dipende moltissimo da quanto spesso si accende lo schermo, anche solo per vedere l’ora. Se poi si gioca, si scende facilmente a meno di dieci giorni. Che comunque è parecchio, considerato che gli smartwatch per adulti spesso durano anche meno di tre giorni. Nell’insieme l’autonomia è molto buona.

Il Paw Patrol Kids-Watch Blue si potrebbe un “giocattolo avanzato”. Materiali e assemblaggio non sono certo da prodotto premium, ma non sfigurerà insieme agli altri giocattoli. Inoltre è un design resistente, che dovrebbe reggere bene a urti e sballottamenti. Peccato che non sia anche impermeabile, ma forse a questo prezzo sarebbe chiedere troppo.

È uno smartwatch semplice e basilare, e proprio per questo lo potranno usare facilmente anche i bambini più piccoli. La scelta del tema Paw Patrol dovrebbe piacere a molti, anche se lo rende poco adatto ai più grandicelli.

La mancanza di GPS e di app per i genitori potrebbe farsi sentire ma è tutto sommato coerente con il prezzo. Si può prendere questo Kids Watch come primo tentativo, un dispositivo con cui bambini e bambine possono cominciare ad abituarsi e a scoprire se apprezzano averlo addosso. Poi, se piace, si potrà pensare di prendere qualcosa di più avanzato e costoso.

Per €49,90 potrebbe essere una scelta eccellente.

Paw Patrol Kids-Watch Blue


Paw Patrol Kids-Watch Blue è uno smartwatch basilare, semplice da usare e con un design da giocattolo. Non è impermeabile, non ha il GPS e manca una companion app per i genitori. Poco più un giocattolo, per quello che costa ne vale la pena - ma è adatto solo ai i più piccoli.

Pro

  • Leggerissimo
  • Semplice da usare
  • Prezzo basso

Contro

  • Non impermeabile
  • Adatto solo ai piccolissimi
  • Mancano GPS e app di controllo