Tom's Hardware Italia
Smartwatch

Vendite smartwatch in crollo, tutta colpa di Apple?

I dati IDC parlano di un crollo delle vendite nel terzo trimestre per il settore degli smartwatch, ma il re del mercato, il Watch 2 era in vendita solo da qualche settimana. Bisognerà dunque attendere il prossimo trimestre per avere l'esatto polso del mercato.

Crollo verticale di vendite per il settore degli smartwatch, nel terzo trimestre del 2016: il mercato infatti ha fatto registrare un -51,6% rispetto all'anno precedente, con 2,7 milioni di unità spedite contro i 5,6 del 2015.

Il dato però non è così sconfortante come potrebbe sembrare in un primo momento. Il crollo infatti è dovuto a diversi fattori – come il ritardo nella disponibilità di Android Wear – ma va ricercato soprattutto in un aspetto niente affatto secondario: nei dati del terzo trimestre è assente il re del mercato degli smartwatch, l'Apple Watch 2.

Leggi anche: Apple Watch Series 2, la nostra prova in piscina

IDC infatti fa notare che, mentre lo scorso anno nel terzo trimestre il Watch di prima generazione era ampiamente disponibile dopo un primo periodo in cui lo si poteva acquistare solo online, quest'anno il Watch 2 è arrivato sul mercato solo nelle ultime due settimane del trimestre, e non ha quindi potuto incidere sull'andamento del mercato. Sarà quindi necessario attendere il rapporto del prossimo trimestre per verificare se ci sarà una ripresa delle vendite nel periodo natalizio grazie ad Apple.

watch2 PNG

Per quanto riguarda la top 5, nonostante il crollo e l'assenza del Watch 2, Apple resta saldamente in testa alla classifica, con 1,1 milioni di unità spedite e il 41,3% del mercato. A seguire, a sorpresa, troviamo Garmin che con 600.000 unità spedite conquista una quota di mercato del 20,5% e batte colossi come Samsung e Lenovo, rispettivamente terzo e quarto con 400.000 unità e il 14,4% del mercato e 100.000 unità e il 3,4% del mercato.

Leggi anche: WatchOS 3 su Apple Watch, un dispositivo rinato

Garmin dunque è stato il grande vincitore in questo trimestre, con una crescita annuale del 324,2%. Un successo dovuto a un portfolio prodotti in costante crescita, con la famiglia ConnectIQ e l'aggiunta del nuovo Fenix Chronos.