Smartwatch

Wear OS 3 fa faville, il gap con Apple Watch si assottiglia

L’impegno congiunto di Google e Samsung nella realizzazione del nuovo sistema operativo per smartwatch Wear OS 3 sta finalmente dando i suoi frutti: lo dimostrano i risultati delle analisi di mercato di Counterpoint relativi al terzo trimestre (Q3) del 2021.

Counterpoint ha analizzato i dati relativi alla vendita degli smartwatch nel lasso di tempo tra luglio e settembre 2021, il primo trimestre completo da quando, in occasione del Google I/O 2021 di questo maggio, è stato annunciato il nuovo Wear OS realizzato in collaborazione con Samsung. Dopo poco tempo è stato inoltre lanciato sul mercato il Galaxy Watch 4, il primo wearable dotato di questo sistema operativo.

Samsung Galaxy Watch 4 e Watch 4 Classic

Il Senior Analyst di Counterpoint, Sujeong Lim, ha confermato la crescita intrapresa da Samsung nel campo degli smartwatch, indicandone anche le nuove prospettive sui mercati asiatici.

Grazie a Samsung, che ha iniziato a implementare nei suoi prodotti Wear OS a partire dal Galaxy Watch 4, Google ha visto crescere la sua quota di mercato nei sistemi operativi per wearable. […] Grazie alla partnership con Samsung iniziata quest’anno Google ha avuto l’occasione di espandere la sua presenza sul mercato dei sistemi operativi per wearable e sembra ormai pronto a trasformarsi in una piattaforma per wearable più aperta da questo momento in avanti”.

Il primo grafico divulgato da Counterpoint si sofferma sulle vendite (misurate in base alla quantità di dispositivi spediti) dei principali brand di smartwatch, mettendo a confronto il Q3 del 2021 con lo stesso trimestre del 2020:

Il balzo in avanti di Samsung, che passa da un 9,9% delle vendite totali al 14,4%, è evidente soprattutto se confrontato con la quota detenuta invece da Apple, che segna invece un calo significativo dal 28% al 21,8% delle vendite totali. Quest’ultimo dato è inoltre imputabile al ritardo nel lancio di Apple Watch 7 avvenuto solo questo settembre. Samsung ha inoltre superato Huawei, che complici gli effetti a lungo termine del ban sugli smartphone sta perdendo sempre più terreno sui mercati occidentali.

Il secondo grafico elaborato dagli analisti di Counterpoint si concentra invece sulle vendite di wearable suddivise in base al sistema operativo, con un confronto riguardante il terzo trimestre degli anni dal 2018 al 2021.

A perdere terreno non è solo Tizen, il sistema operativo su cui si basavano i precedenti modelli di Galaxy Watch prima della partnership tra Samsung e Google: anche in questo caso Apple ritorna alla quota di mercato occupata nel 2018, con un calo di quasi sette punti rispetto al 2020. Counterpoint segnala inoltre le opportunità di espansione per Google e per il suo Wear OS, che includono brand come Fitbit, in grado di ampliare la quota di mercato fino al 23,7%, decretando quindi il sorpasso rispetto ad Apple.

Wi-Fi potente in ogni angolo della casa, ora a un prezzo imbattibile: Google Nest Wifi è in offerta su Amazon.