Tom's Hardware Italia
Windows

Windows Phone 8.1 senza tasto Indietro e c’è l’idea tablet

Voci di corridoio riportano che Windows Phone 8.1 potrebbe non solo far sparire il tasto fisico Indietro ma anche essere compatibile con schermi fino a 10 pollici.

Windows Phone 8.1, atteso al debutto nella prima parte del 2014, probabilmente in primavera, potrebbe "uccidere" il tasto Indietro presente su tutti i terminali usciti sinora. Marchio di fabbrica dei prodotti con il sistema operativo mobile, il tasto non farebbe più parte dei requisiti hardware stabiliti dalla casa di Redmond.

A scriverlo è Paul Thurrott di Winsupersite, il quale però afferma di aver ottenuto questa informazione da una singola fonte, anche se afferma di aver verificato l'informazione. Il tasto Indietro permette agli utenti Windows Phone di navigare tra le applicazioni e di accedere al multitasking, ma per molti è prassi più comune quella di usare il tasto "Start" per tornare alla home e da lì selezionare nuove app.

Non è chiaro al momento se la rimozione del tasto – per ora da ritenersi presunta – porterà a cambiamenti anche sul fronte del multitasking, ma Windows Phone 8.1 promette diversi cambiamenti proprio per quanto riguarda i processi in background e le notifiche, con un hub dedicato. L'altra interessante novità di cui si parla è che Microsoft potrebbe supportare schermi fino a 10 pollici, andando ben oltre i 5/6 pollici che dovrebbe introdurre l'aggiornamento GDR3 atteso per la fine anno.

È solo il primo passo di un'integrazione tra Windows Phone e Windows RT oppure vedremo tablet con Windows Phone? È probabile che la strada scelta sia la prima, dato che l'azienda dovrebbe creare binari universali per le applicazioni, consentendo di realizzare soluzioni capaci di lavorare su entrambi gli ecosistemi.

Windows Phone 8.1 sarà caratterizzato anche da cambiamenti in varie parti dell'interfaccia utente e sicuramente in cantiere c'è molto altro. Da non dimenticare, infatti, le voci di corridoio su Cortana, assistente vocale e personale in stile "Siri" che tuttavia potrebbe essere, almeno inizialmente, una funzione a vantaggio solo degli utenti statunitensi.