Tom's Hardware Italia
Windows

Windows Phone batte l’iPhone in Cina, ora tocca ad Android

Microsoft ha comunicato che le quote di mercato di Windows Phone hanno superato quelle dell'iPhone in Cina. L'azienda di Redmond l'aveva previsto, ora punta ad acchiappare Android.

A due mesi dall’annuncio dei telefoni con Windows Phone in Cina Microsoft ha già il 7 percento del mercato dei cellulari, contro il 6% dell’iPhone di Apple. Ne è certo Michel van der Bel, direttore generale della filiale cinese di Microsoft, che pieno d’orgoglio tuona: “abbiamo appena cominciato”. Ha tutta l’aria di una sfida a Apple, sull’onda di un successo che negli altri Paesi del mondo stenta ad arrivare.

Windows Phone ha superato iOS in Cina

Del resto l’azienda di Redmond aveva preannunciato che le cose sarebbero andate così: in occasione dell’annuncio in Cina dei prodotti conWindows Phone Tango, Microsoft aveva puntualizzato che avrebbe superato Apple, ma solo come obiettivo intermedio sulla strada per il sorpasso di Android. L’obiettivo finale sembra francamente troppo ambizioso con i numeri d’oggi, dato che il sistema operativo di Google controlla al momento il 69% del mercato cinese.

IDC era stata cauta sul sorpasso Windows/iPhone: la società di indagini di mercato aveva infatti presagito il sorpasso, ma solo nel 2013, quando calcolava che le quote di Windows Phone oltre la grande muraglia sarebbero arrivate al 15 percento, superando Apple ferma al 13 percento. Le cifre sono differenti, ma la sostanza è la stessa.

ZTE Orbit, uno dei prodotti Windows Phone più popolari in Cina

A un primo sguardo questi dati possono avere dell’incredibile, ma c’è una spiegazione logica per tutto. Innanzi tutto, nella dichiarazione di Microsoft si parla di Windows Phone Tango, ossia della versione “di fascia bassa” del sistema operativo mobile, con restrizioni dovute principalmente alla dotazione di memoria limitata a 256 MB dei dispositivi che lo installano. Non si possono usare applicazioni con particolari requisiti di memoria, non è supportata la riproduzione di video podcast e di alcuni video in alta risoluzione. Inoltre non è possibile caricare foto su SkyDrive in modo automatico e liberare memoria usando background agents come PeriodicTask e ResourceIntensiveTask.

I telefoni che hanno portato Microsoft al sorpasso di Apple quindi non sono gli smartphone di fascia alta come i Lumia 900, ma i prodotti economici come i Lumia 600 o lo ZTE Orbit, Samsung Omnia o uno dei prodotti Huawei. Tutti costano molto meno dell’iPhone, e in Cina questo fa una differenza sostanziale.

Il secondo elemento di cui tenere conto è che l’iPhone è sbarcato in Cina solo a gennaio, quindi non ha il vantaggio di tempo di cui beneficia Android, ed è distribuito solo dal secondo e terzo operatore cinese, rispettivamente China Unicom e China Telecom, mentre non ha ancora raggiunto un accordo con il primo operatore del Paese, ossia China Mobile, che ha al suo attivo 667 milioni di clienti. Sembra che il contratto di distribuzione sarà presto sottoscritto, e a quel punto l’azienda di Cupertino potrebbe guadagnare terreno, anche se è difficile stabilire in quale proporzione.

Quel che è certo è che il mercato cinese è uno di quelli con più alto potenziale oltre all’India e a poche altre realtà, quindi vincere la partita orientale è di cruciale importanza per consolidare le proprie quote a livello globale. Il problema è che oltre a Microsoft e Apple l’hanno capito tutti, per primi i produttori che giocano in casa, che non sono per nulla intenzionati a cedere qualcosa agli stranieri.