Giochi PC

Call of Duty Warzone: Verdansk distrutta, esplosione butta giù i server

Il grande giorno è infine arrivato. Quest’oggi prenderà il via la stagione 3 di Call of Duty Warzone e Black Ops Cold War, ma prima di poterci immergere in tutte le novità preparate dai ragazzi di Activision, Treyarch e Raven Software c’era una storia che stava rimanendo in sospeso da troppo tempo. Le tante speculazioni sulla distruzione di Verdansk si sono avverate, con la mappa del battle royale che durante la scorsa nottata è stata letteralmente rasa al suolo.

Call of Duty Warzone

Come in molti avevano immaginato, a causare la devastazione della prima iconica mappa di Call of Duty Warzone è stata un esplosione nucleare. L’evento ha regalato ai giocatori che sono riusciti a giocarlo un’esperienza molto particolare: ovvero assistere in prima persona alla caduta di Verdansk. Coloro che hanno tentato di atterrare sulla mappa si sono ritrovati trasformati in zombie a causa delle radiazioni, mentre chi si era corazzato con un Juggernaut ha dovuto scontrarsi con intere orde di non morti.

Non tutti gli appassionati di Call of Duty Warzone sono riusciti a godersi questo unico evento però, dato che qualche istante dopo l’esplosione nucleare che ha devastato Verdansk i server di gioco hanno subito qualche problema. Le segnalazioni da parte dei giocatori sono state tempestive e numerose, tanto che Activision ha subito accolto la parola della community e ha investigato sul problema cercando di sistemare nel più breve tempo possibile.

Ora che Verdansk non esiste più non ci resta che attendere di scoprire quale sarà il nuovo campo di battaglia di Call of Duty Warzone per la stagione 3, la quale, oltre a una nuova mappa, andrà ad introdurre anche tutta una serie di svariate novità.

Aspettando di conoscere il destino di Warzone con la nuova stagione, nel frattempo potete acquistare il più recente COD Black Ops Cold War su Amazon a questo indirizzo.