Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Giochi PC

Gli sparatutto modificano il cervello, ora ci sono le prove

L’ennesimo studio sui videogiochi violenti stabilisce che possono alterare il cervello, anche a lungo termine. I ricercatori dell’Università di Medicina dell’Indiana sono giunti a questa conclusione attraverso un esperimento che ha coinvolto 22 adulti di sesso maschile in buona salute.

“Abbiamo osservato che un campione casuale di giovani adulti ha mostrato una diminuzione nell’attivazione di alcune aree del lobo frontale del cervello dopo una settimana di stimoli con videogiochi violenti”, spiega il Dottor Yang Wang, assistente alla cattedra di Radiologia dell’Università. “Le aree cerebrali coinvolte sono responsabili del controllo delle emozioni e dei comportamenti aggressivi“, continua Wang.

Gli sparatutto modificano il cervello? Secondo gli ultimi studi non ci sono dubbi

La ricerca, che sarà presentata al meeting annuale della Società Radiologica Nordamericana, ha permesso di arrivare a questa conclusione dividendo i soggetti dei test in due gruppi. Il primo ha dovuto giocare a uno sparatutto in prima persona per dieci ore, nel corso di una settimana, per poi astenersi dal gioco per sette giorni. Il secondo gruppo di controllo non ha invece toccato nessun videogioco per l’intero periodo.

Prima di cominciare il test è stata fatta una risonanza magnetica funzionale (fMRI) a ogni partecipante, per individuare l’attività neuronale dei soggetti. Per confrontare i risultati i ricercatori hanno sottoposto i pazienti a una seconda fMRI dopo una settimana e a un’altra dopo due settimane, alla fine del test.

Durante le sessioni di fMRI entrambi i gruppi sono stati esposti a parole che descrivono azioni violente, le cosiddette “interferenza emotive”, e ad alcuni test per stabilire l’inibizione cognitiva. Quali sono stati i risultati?

L’fMRI è una tecnica che permette di ottenere immagini che evidenziano il funzionamento di un’area del corpo

Dopo una settimana, il gruppo di giocatori ha mostrato una minore attività del lobo frontale inferiore sinistro (un’area del cervello associata all’empatia). La fMRI ha inoltre evidenziato che durante i test cognitivi si è potuto osservare un calo degli stimoli nella corteccia cingolata anteriore, cioè la zona cerebrale deputata al controllo dei conflitti, all’elaborazione dei problemi e al rilevamento di errori.

Dopo la seconda settimana, dove i giocatori si sono presi una pausa dagli FPS, gli effetti sono diminuiti ma non sono scomparsi definitivamente. “Questa scoperta indica che i videogiochi violenti hanno un effetto a lungo termine sul funzionamento del cervello”, spiega Wang

La corteccia cingolata anteriore regola l’elaborazione dei problemi e il rilevamento di errori – Clicca per ingrandire

Il dibattito è ancora aperto perché lo studio non stabilisce se i videogiochi violenti possano influenzare effettivamente il comportamento di una persona (Videogiocare ingrossa il cervello, ma non si diventa Einstein), ma il lavoro di Wang e del suo team aggiunge carne al fuoco alla questione e dimostra che questo hobby è capace di modificare il funzionamento del cervello .

Anche i casi recenti che abbiamo trattato (Dipendenti da Internet e videogiochi in Italia già a 11 anni e Madre disperata: mio figlio dipendente da World of Warcraft) sembrerebbero confermare l’impatto dei videogiochi sulla mente degli appassionati. Voi cosa ne pensate?