Tom's Hardware Italia
PlayStation 4

Kojima: “Death Stranding è come un problema di matematica”

Mostratosi più volte in video, Death Stranding continua ad essere uno dei videogiochi più misteriosi dell'attuale generazione, se non di sempre. Un alone fatto di dubbi e interrogativi che, stando alle ultime dichiarazioni di Hideo Kojima, è stato creato con un motivo ben preciso. Death Stranding è apparso in più di un'occasione in video, fino […]

Mostratosi più volte in video, Death Stranding continua ad essere uno dei videogiochi più misteriosi dell'attuale generazione, se non di sempre. Un alone fatto di dubbi e interrogativi che, stando alle ultime dichiarazioni di Hideo Kojima, è stato creato con un motivo ben preciso.

Death Stranding è apparso in più di un'occasione in video, fino ad esibirsi in una lunga sequenza di gameplay nel corso della conferenza E3 2018 di Sony. Eppure il primo progetto di Hideo Kojima dopo il divorzio da Konami continua a rimanere avvolto in un fitto alone di mistero, tanto da spingere fan e curiosi ad analizzare ogni sequenza a schermo nel tentativo di cogliere indizi su ambientazione e meccaniche di gioco. Una prassi a cui il papà di Metal Gear ci ha abituati da tempo, ma che con la sua prossima fatica assume sfumature del tutto nuove.

Stando a quanto dichiarato da Kojima in una recente intervista ai microfoni di Variety, infatti, Death Stranding rimane ancora un enigma con l'obiettivo di far divertire i videogiocatori: ''Viviamo nell'era dei social network. In questo momento la gente non vuole solo risposte immediate, ma vuole anche sapere cosa si prova a riguardo. Questo è giusto, quello è sbagliato. Questo è il gioco che dovrebbe piacermi. Questo è il gioco che non dovrebbe piacermi. Vogliono risposte su come dovrebbero pensare. È come un problema di matematica, in cui conoscere la soluzione non è poi così importante. L'importante è il processo che porta ad ottenere la soluzione. Non voglio che i giocatori rinuncino alla parte più divertente''.

Il buon Hideo ha poi paragonato il suo Death Stranding ad alcuni filoni cinematografici: ''Voglio mantenere un equilibrio tra l'autorialità del gioco e il suo essere intrattenimento. Alcune volte vedo film che sono arte, film indipendenti, ma io voglio stare nel mezzo in modo che sia chi ama i film indie che quelli Marvel possa divertirsi con questo gioco''.

Leggi anche: Death Stranding, Riflessioni e Spunti dall'E3 2018

death stranding

Voi cosa ne pensate, siete d'accordo con il game designer giapponese? Vi ricordiamo che Death Stranding non dispone ancora di una data di uscita ufficiale, e dovrebbe essere destinato esclusivamente a PlayStation 4 e PlayStation 4 Pro.


Tom's Consiglia

Omaggiate l'estro di Hideo Kojima acquistando il suo ultimo titolo sotto etichetta Konami, Metal Gear V: The Phantom Pain.