PlayStation

PES 2013 raddoppia: una seconda demo con tante novità

Konami ha pubblicato la seconda demo di Pro Evolution Soccer 2013. Gli appassionati della simulazione calcistica che sfida FIFA 13 di Electronic Arts possono scaricarla immediatamente da l'Xbox 360, mentre chi ha la PS3 deve attendere domani. Su PC tra poco (inizio settembre).

La seconda demo gratuita include 11 squadre: Manchester United, Juventus, Bayern Monaco, Real Madrid, Valencia, Barcellona, Atletico Bilbao, Chivas, Boca Juniors, Santos e Corinthians. Come avrete intuito, Konami si è aggiudicata anche le licenze del campionato brasiliano.

Secondo gli sviluppatori il gameplay mostra parecchi progressi rispetto alla precedente versione di prova distribuita a luglio. "Abbiamo deciso di scoprire tutte le nostre carte con PES 2013, consapevoli della sua forza", ha affermato Jon Murphy, European PES Team Leader di Konami Digital Entertainment. "Siamo costantemente al lavoro per migliorare il nostro titolo e questa seconda demo dimostrerà che puntiamo alla perfezione, i fan non potranno fare a meno di notare i numerosi miglioramenti nella demo che renderanno PES 2013 l'esperienza più simile al calcio vero".

La nuova demo include sei differenti livelli di difficoltà e match della durata di 10 minuti. Il bilanciamento tra le difese e gli attacchi è secondo Konami più realistico, il sistema dei passaggi manuali è stato ulteriormente rifinito, così come sono state migliorate le traiettorie dei passaggi, i contrasti dei difensori, la velocità dei tiri e il comportamento degli arbitri.

Estrema attenzione è stata posta all'intelligenza artificiale, in particolare quei casi in cui una situazione difensiva si può trasformare immediatamente in offensiva grazie a un contropiede. Pallonetti e tiri a effetto sono stati resi meno semplici da realizzare a seguito del feedback della prima demo. Sono stati, inoltre, implementati gli inni nazionali a inizio partita e c'è la possibilità di provare la modalità allenamento.

La software house nipponica sembra quindi da una parte convinta del lavoro svolto quest'anno ma dall'altra anche ben disposta ad ascoltare gli appassionati, modificando il titolo per offrire un'esperienza priva dei problemi delle passate edizioni. Una cosa che ci piace e della quale forse dobbiamo ringraziare…Electronic Arts.