Tom's Hardware Italia
PlayStation 4

PlayStation: Shawn Layden parla della possibilità di acquisire nuovi studi

Sony potrebbe acquisire nuovi studio o nuovi giochi, se fossero promettenti.

Il supporto di una piattaforma da gioco inizia con il supporto al software proprietario e, quindi, ai team di sviluppo first party che possano produrlo. Microsoft, come sappiamo, ha investito in questo senso nel corso del 2018 e, sebbene i risultati potranno manifestarsi unicamente con la prossima generazione, sembra sulla strada giusta per potenziare il marchio Xbox.

Sony e Nintendo, dal canto loro, possono già contare su molteplici IP e team interni costantemente al lavoro su esclusivi giochi di primo livello. Ovviamente questo non significa che non si possa fare ancora di più. A questo riguardo, Shaw Layden, capo della divisione americana di Sony, ha dichiarato che la compagnia è sempre pronta a cogliere opportunità “entusiasmanti”.

Layden ha affermato: “Esploriamo sempre nuove opportunità. Se troviamo un partner o un team o un gioco che riteniamo sia particolarmente significativo e interessante, vediamo diventarne parte. […]  Cerchiamo di fare in modo che i nostri team si focalizzino sulla nostra visione per il futuro. Abbiamo questa regola: ‘primi, migliori o obbligatori’.”

Se il tuo gioco sarà il ‘primo’ a creare un genere, o il ‘primo’ a creare una nuova meccanica in un gioco, vediamo di che si tratta. Se stai per realizzare un action adventure, è meglio che sia il ‘migliore’ nella categoria. E poi abbiamo una terza categoria che chiamiamo ‘obbligatorio’, ovvero ciò che deve essere fatto per supportare la piattaforma, l’obbligo di essere presenti sul mercato con nuove tecnologie.

Sony quindi non parte dal presupposto di essere già al completo, internamente. Sicuramente il rilancio di Microsoft su questo fronte può dare nuova linfa al mercato in toto. La competizione è sempre positiva. Voi cosa ne pensate? Credete che Sony PlayStation debba lavorare su un fronte particolare?

PlayStation 4 è la console più venduta della generazione: voi l’avete già comprata?