Quanto spende Xbox per i giochi sul Game Pass? La risposta è impressionante

In un'intervista a Windows Central, Phil Spencer ha rivelato dei dettagli interessanti sugli investimenti effettuati per Xbox Game Pass.

Avatar di Andrea Maiellano

a cura di Andrea Maiellano

Author

In un'intervista a Windows Central, Phil Spencer  ha rivelato dei dettagli molto interessanti sugli imponenti investimenti effettuati dalla divisione Xbox, per garantire un costante flusso di giochi third-party all'interno di Xbox Game Pass.

Spencer ha dichiarato che Microsoft ha speso oltre 1 miliardo di dollari l'anno per sostenere i giochi third-party nel servizio. Nonostante questa incredibile somma, il Game Pass ha dimostrato di essere non solo autosufficiente, ma addirittura redditizio.

L'obiettivo degli investimenti è stato arricchire il catalogo di Game Pass con giochi third-party, da affiancare ai titoli first-party realizzati da Xbox Game Studios, che vi ricordiamo comprende tutte le software house del gruppo Zenimax e, di recente, anche tutte le software house di Activision-Blizzard.

Spencer non ha, ovviamente, dettagliato a quanto ammonti l'investimento dedicato ai titoli first-party realizzati dalle software house degli Xbox Game Studios ma si è dedicato a illustrare la sostenibilità finanziaria di Game Pass, confermando che il servizio genera profitti, anche se non ha fornito dati specifici in questa occasione.

Tuttavia, dati precedenti indicano che Microsoft aveva registrato entrate di 3,9 miliardi di dollari dall'abbonamento Game Pass nell'anno fiscale 2022, con l'obiettivo di raggiungere gli 8 miliardi di dollari all'anno entro il 2030.

Questi numeri indicano una tendenza positiva per il servizio e fanno intuire che, se oltre un miliardo di dollari viene investito annualmente per i titoli third-party, la cifra preventivata per i titoli first party potrebbe non differire di molto.

Bisogna sempre considerare, però, che i titoli first-party di Microsoft sono venduti anche al di fuori del servizio in abbonamento, generando entrate in differente maniere.

Spencer ha, infine, sottolineato l'ampia varietà di giochi supportati dal servizio, che spaziano dai grandi titoli tripla a, agli indie meno noti, evidenziando come alcuni giochi meno conosciuti, e in alcuni casi realizzati grazie al supporto economico di Microsoft,  abbiano ottenuto successo all'interno dell'abbonamento.