Tom's Hardware Italia
PlayStation 4

Recensione Dragon’s Crown Pro, la remastered che mancava

Dragon's Crown Pro – PS4   Dragon's Crown Pro è la versione del capolavoro Vanillaware pensata per PS4 e PS4 Pro. Contiene tutti i DLC pubblicati nella versione originale, una risoluzione inedita fino a 4K e le musiche originali riarrangiate da un'orchestra di fama mondiale. PRO: La trama nasconde tantissime sorprese; il comparto grafico e […]

Dragon's Crown Pro – PS4

 

Dragon's Crown Pro è la versione del capolavoro Vanillaware pensata per PS4 e PS4 Pro. Contiene tutti i DLC pubblicati nella versione originale, una risoluzione inedita fino a 4K e le musiche originali riarrangiate da un'orchestra di fama mondiale.

dragons crown pro atlus ps4 cover


C'era una volta un regno nel caos, un guerriero, un'amazzone e un nano, che volevano riportare la pace nella loro terra. Non stiamo parlando del mitico Golden Axe di Sega, ma di Dragon's Crown che innegabilmente attinge moltissimo dai grandi classici delle sale giochi anni '90. Nessuna operazione nostalgia nel titolo sviluppato da Vanillaware, perché Dragon's Crown, sin dal suo debutto avvenuto nel 2013, è riuscito a essere unico e originale nel suo genere. In questa generazione ricca di remastered e remake, poteva mai mancare una degna versione di questo titolo su PS4? Dopo la nostra anteprima su Dragon's Crown Pro, è giunto il momento del giudizio finale.

I ragazzi di Vanillaware, capitanati da George Kamitani, sono universalmente riconosciuti come autentici maestri del genere hack 'n' slash fantasy, con produzioni indimenticabili come Odin Sphere, GrimGrimoire, Muramasa e Dragon's Crown. Ma cosa rende davvero speciali i loro giochi?

dragon crown pro unveils its release date 1280x720

I titoli sviluppati da Vanillaware sono come la voce inconfondibile di un cantante o il tratto unico di un pittore: quando sullo schermo abbiamo una sfarzosa miscela di elementi fantasy, meccaniche RPG unite a quelle di un picchiaduro a scorrimento, personaggi tipicamente anime e una musica orchestrale, è difficile sbagliarsi, e nel nostro caso si tratta indubbiamente di Dragon's Crown, l'indimenticabile hack 'n' slash che vide la luce su PS3 e PS Vita nel 2013.

Cinque anni fa abbiamo apprezzato il titolo su PS Vita, pur sapendo che uno schermo di così ridotte dimensioni non rendeva giustizia a questo titolo, mentre la versione domestica appariva solo su PS3 mancando di poco la nuova generazione PlayStation al tempo imminente. È il momento di rifarsi con una versione potenzialmente migliorata per PS4 e PS4 Pro.

Once upon a time

C'era una volta, nel lontano regno di Hydeland, un Re, che per avere un potere smisurato partì alla ricerca della mistica Corona del Drago. In sua assenza il regno cadde nel caos, e per riportare l'ordine l'unica speranza è riposta su sei valorosi guerrieri. Non sembra affatto la trama più originale del mondo, ma vi assicuriamo, come spiegheremo più avanti, che questo si limita solamente all'incipit iniziale.

Dragon's Crown Pro 20180429233719

Nella fase iniziale della nostra avventura, dovremo scegliere una delle classi disponibili e forgiare il nostro eroe con un editor semplice che lascia quasi inalterate le caratteristiche principali imposte dal gioco. La scelta della classe non è definitiva, e più avanti avremo la possibilità di giocare un po' per volta a tutti i guerrieri della storia di Dragon's Crown.

La scelta del nostro eroe ricade essenzialmente in 6 classi con altrettanti personaggi:

La strega: Affascinante e pericolosa. Le sue abilità sono particolarmente utili per il party, grazie alla capacità di evocare eserciti non morti e di rianimare i cadaveri dei nemici caduti. Può evocare cibi deliziosi, proteggere l'intero gruppo, congelare i nemici ed è l'unico personaggio che riesce a rigenerare gli MP lentamente nel tempo. Inoltre, può anche trasformare i suoi nemici in rane innocue o in pietra. È una grande risorsa per un gruppo di successo, specialmente in modalità Infernale.

Dragon's Crown Pro 20180429230722

Il mago: Possiede la capacità di essere uno dei personaggi più dannosi nel party, grazie a incantesimi che riescono perfino a spazzare tutte le forze nemiche dallo schermo! Può aiutare gli alleati generando dei Golem di legno con le casse o con le barricate che appaiono lungo il percorso. Non è particolarmente adatto per gli scontri corpo a corpo, ha una difesa precaria e gli incantesimi hanno un numero di usi limitato.

L'amazzone: È la nostra preferita. Bella, muscolosa e letale con i suoi colpi veloci e devastanti. Quando colpisce, c'è la possibilità che entri nello stato di Berserk, che aumenterà la sua forza e velocità. Lo stato di Full Berserk la fa letteralmente girare intorno ai nemici e colpire quasi senza soluzione di continuità. Tuttavia, il suo attacco è inizialmente lento e si azzera se non colpisce nulla entro un certo periodo di tempo o se viene colpita. La difesa è un tantino più debole rispetto al guerriero, effettuando delle parate poco efficaci con la stessa arma da colpo.

sorceress2

L'elfo: Sembra una graziosa Robin Hood al femminile. Infatti, il suo stile di lotta è concentrato sull'uso dell'arco a frecce. L'elfo è un combattente a lungo raggio, che ha accesso a vari strumenti magici, attacchi di mischia (pugnalate alle spalle e calci) e gli attacchi a lungo raggio grazie all'arco. L'elfo è anche uno dei personaggi più mobili e veloci sullo schermo, quindi è perfetta per i giocatori un po' più esperti che puntano tutto sulla velocità d'attacco.

Il nano: Si tratta di un autentico carro armato. Riesce a scagliare attacchi devastanti con martelli e pugni, ma anche attacchi a distanza con le bombe. Ogni attacco può essere potenziato, inoltre vanta una delle difese migliori e insieme all'amazzone è un combattente molto semplice da padroneggiare.

Il guerriero: Sembra il più forte del gruppo, ma a volte l'apparenza inganna. Sicuramente ha la difesa migliore di tutti gli altri personaggi grazie alle sue abilità difensive e alla capacità di bloccare gli attacchi con il suo scudo. Gli attacchi con la sua spada sono a corto raggio, ma sono piuttosto veloci. Si rivela un buon alleato per il party dal momento che riesce a innalzare una zona schermata che blocca gli attacchi dei nemici.

amazon4

Una volta scelto il nostro eroe, inizieremo a esplorare la città che è un po' la nostra base operativa. All'inizio della città troviamo la Locanda del Drago dove possiamo scegliere i componenti del party, sia in single player che in cooperativa. Ma il "centro operativo" dei nostri eroi è la Gilda degli Avventurieri e il Castello dove manderemo avanti la quest principale e tutte le missioni secondarie. Proprio nel castello, facendo la conoscenza della Principessa Vivian, il Primo Ministro Gustaf e del Conte Dean, capiremo che la nostra storia è molto più articolata di quello che si poteva pensare con l'incipit narrativo, con intrighi, colpi di scena e molte altre soprese per un epico racconto che ci ha legato alla sedia fino alla fine. E ora portiamoci al Gate della città per iniziare a menare le mani.

Un RPG che vuole picchiare duro

La storia di Dragon's Crown, il sistema di crescita del nostro personaggio e la gestione del party attingono a piene mani da un RPG classico, eppure ci troviamo davanti a un autentico hack 'n' slash, di quelli "caciaroni" (passatemi il termine n.d.r.). E vi assicuriamo che non scontenterà nessun appassionato di entrambi i generi.

elf3

Il sistema di combattimento è semplice quanto efficace, grazie alla pressione di un solo tasto per gli attacchi, ma legato alla direzione dell'analogico, garantendo una varietà davvero notevole che cambia in base alla classe prescelta. Possiamo selezionare dei tasti di scelta rapida per l'utilizzo di alcune abilità, ma soprattutto per usare le pozioni curative, un'accortezza indispensabile per gli scontri più concitati. Durante il percorso è possibile raccogliere altre armi da usare per pochi colpi contro i nemici (in pieno stile Final Fight o Cadillacs and Dinosaurs), cibo per risanare la vostra barra energetica e tantissimi tesori da scovare. Già, perché Dragon's Crown è anche esplorazione, con un sistema davvero particolare: grazie al ladruncolo Rannie, un personaggio non giocante, potremo aprire forzieri, forzare porte chiuse e cercare tesori con la sua mano in ogni angolo dello scenario agendo sul touchpad del DualShock 4, alla stregua di un punta-e-clicca per intenderci.

Dragon's Crown Pro 20180429231114

i nemici che incontreremo spaziano dai goblin, ai fantasmi, vampiri, mostri lagunari, draghi, ragni giganti e perfino i pirati cercheranno di mettervi i bastoni tra le ruote. I boss alla fine di ogni quest offrono delle battaglie spettacolari per gli occhi, non particolarmente difficili, ma in alcuni casi dovrete scegliere accuratamente i componenti del vostro team per avere la meglio.

Alla fine di ogni battaglia, potrete riscattare tutti i nuovi oggetti raccolti presso la Locanda del Drago, sbloccare nuove abilità presso la Gilda degli Avventurieri e aggiungere nuovi guerrieri resuscitandoli presso il Tempio di Canaan. Le possibilità di potenziarsi ed equipaggiare sempre al meglio il nostro personaggio, sono pressoché infinite. Il mondo fantasy di Dragon's Crown non conosce limiti, per un calderone volutamente eccessivo, ma assurdamente funzionale nell'intero contesto.

In questa versione di Dragon's Crown Pro sembra che l'IA dei nemici e, soprattutto, dei personaggi del nostro party gestiti dalla CPU, sia migliorata notevolmente rispetto al passato. Ma ovviamente, il divertimento ai massimi livelli si ottiene giocando in cooperativa con i vostri amici.

Una bellezza tutta da vedere e da giocare

Che Dragon's Crown sia un piccolo capolavoro artistico non è un mistero. Lo sapevamo cinque anni fa e in questa nuova versione è riuscito perfino a migliorarsi. I ragazzi di Vanillaware hanno creato dapprima degli scenari che sembrano autentici dipinti, con picchi eccelsi nel Castello della Morte e la Vecchia Capitale, ma un ruolo speciale nella resa visiva è confinato agli stessi personaggi. L'eccesso è all'ordine del giorno, questo è chiaro, ma l'originalità dei tratti dedicati ad ogni guerriero è un'autentica gioia per gli occhi… e non parliamo dei soli attributi femminili sempre in bella vista. Infatti, l'immaginario spinto degli autori è dedicato con estrema coerenza in tutti i personaggi maschili e femminili, e, se vogliamo, in molteplici altri aspetti del gioco, creando un microcosmo dove l'esasperazione iniziale dei dettagli non è più contemplata.

b2a2

In questa nuova versione possiamo apprezzare al meglio linee ancor più definite, tratti puliti e animazioni più fluide che mai, senza alcun rallentamento in qualunque circostanza, raggiungendo il massimo splendore nel 4K di PS4 Pro. Nonostante questa ritrovata ridefinizione estetica del titolo, permane ancora qualche momento di confusione negli scontri più concitati, costringendoci alla continua ricerca della freccia colorata che ci indica "il vostro personaggio è questo!", come se gli sviluppatori fossero ben consapevoli del caos generato.

wizard3

Una delle cose che in passato ci aveva particolarmente colpito in Dragon's Crown era sicuramente l'eccellente colonna sonora. Ebbene, gioite perché tutte le musiche originali composte dal maestro Hitoshi Sakimoto sono state riarrangiate grazie a una orchestra composta da musicisti professionisti molto noti in Giappone, per un risultato davvero eccezionale. Vi proponiamo un'anteprima di tutta l'OST del gioco nel video ufficiale che segue su YouTube, e se proprio volete fare vostra quest'incredibile opera musicale sappiate che è disponibile su iTunes a questo indirizzo.

Verdetto

Dragon's Crown Pro è un regalo a questa generazione che non ha potuto godere del suo debutto originale. La nuova versione elaborata dai ragazzi di Vanillaware porta dietro tutti i pregi della prima versione migliorandoli uno dopo l'altro, come l'IA dei nemici e dei componenti del party controllati dalla CPU, il comparto grafico rivisto in una nuova risoluzione e una colonna sonora da urlo riarrangiata per l'occasione. Abbiamo apprezzato la possibilità di usare i vecchi salvataggi della versione originale su PS3 e il crossplay su PS Vita implementato con un nuovo aggiornamento che abbiamo scaricato sulla console portatile, permettendoci di continuare i nostri progressi di gioco anche in mobilità. Ma sotto al "vestito della festa" abbiamo ancora qualche difetto storico, come un livello di sfida non troppo impegnativa anche nella difficoltà "Inferno" e qualche momento di caos che vi renderà difficile riconoscere il vostro personaggio o i componenti del party. Ciononostante, siamo stati catturati ancora una volta dal potere della Corona del Drago per circa 18-20 ore di gioco, portando a termine un titolo che è riuscito a migliorarsi offrendo una versione definitiva davvero irrinunciabile.


Tom's Consiglia

Dragon's Crown Pro si può già prenotare su Amazon in esclusiva per PS4 e PS4 Pro.