Tom's Hardware Italia
Giochi PC

FromSoftware: l’evoluzione tecnica da Dark Souls a Sekiro secondo Digital Foundry

FromSoftware ha fatto un lungo percorso dal 2009 a oggi: da Demon's Souls si è arrivati fino a Sekiro; ecco l'analisi di Digital Foundry.

Sekiro: Shadows Die Twice è un gioco di alta qualità, come vi abbiamo spiegato nella nostra recensione. Uno dei punti di forza è sicuramente la componente grafica tecnica che riesce a supportare la visione artistica di FromSoftware e Miyazaki. Lo sappiamo, il team giapponese non è mai stato rinomato per l’ottimizzazione dei propri giochi, ma pare che questa volta il risultato sia stato superiore al previsto.

A confermarlo c’è anche l’analisi di Digital Foundry. Diversamente da altri test, in questo caso il team di esperti non si concentra solo sul frame rate o sulle prestazioni complessive del gioco, ma ci permette di fare un viaggio partendo da Demon’s Souls, del 2009, fino ad arrivare a questo marzo, con Sekiro.

Il video, che potete vedere poco sotto, ci spiega come uno dei punti di forza del primo titolo di Miyazaki, oltre a essere un’interessante novità per l’epoca, era la distruttibilità e fisicità di scenari e nemici, gestiti dall’Havok. Oggigiorno ci aspettiamo, da un titolo di FromSoftware, che un nemico spunti fuori da una barricata o da dietro un gruppo di barili, distruggendo tutto e spaventandoci con l’improvviso caos, ma con Demon’s Souls tutto era nuovo.

Ovviamente Demon’s Souls aveva molti limiti tecnici, dovuti anche alla natura low budget del progetto. L’analisi prosegue poi con Dark Souls che non solo migliora a livello poligonale e texture, ma crea un mondo ampio e liberamente esplorabile, non più diviso in livelli. Poi, con Dark Souls 2 si passa a un nuovo engine, con un fotorealismo superiore per quanto riguarda il sistema di illuminazione, con però l’eliminazione dell’Havok.

Bloodborne e Dark Souls 3 segnano l’arrivo di nuovi capitoli creati direttamente per PlayStation 4 e Xbox One. Il primo introduce uno stile artistico ben differente rispetto al passato e, a livello tecnico, propone abbigliamenti molto dettagliati e con un engine fisico dedicato, che ne enfatizza il realismo.

Sekiro, infine, risulta essere un serio passo in avanti e dimostra come FromSoftware si sia impegnata nel modernizzare il proprio engine. La critica ha apprezzato l’opera di Miyazaki e il pubblico UK ha premiato il gioco con la prima posizione tra i giochi più acquistati, nella settimana di lancio. Diteci, cosa ne pensate di Sekiro: Shadows Die Twice?

Potete acquistare Sekiro: Shadows Die Twice a questo indirizzo.