Giochi PC

Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster | Anteprima

Tornare su Shin Megami Tensei è stata una sorprendente dose di nostalgia, specie se parliamo di un prodotto storico me il franchise di ATLUS come Shin Megami Tensei III: Nocturne. Oggi, nel 2021, la serie di Shin Megami Tensei ha raggiunto risultati ragguardevoli e in territorio nostrano il merito più evidente va al successo straordinario di Persona 5 e Persona 5 Royale, che sebbene siano ormai una serie a parte non è affatto da dimenticare che tutto la dicitura Shin Megami Tensei accompagna originariamente i capitoli di Persona.

Tornando però indietro nel tempo, MegaTen può essere considerato come la nicchia della nicchia, uno di quei prodotti che da noi erano introvabili sugli scaffali e che hanno prosperato grazie a un fitto sottobosco di distribuzione del digitale con la vecchia architettura PlayStation. Ora il mercato è più internazionale, le produzioni giapponesi passano dai tripla A agli indipendenti andando ben oltre colossi come Final Fantasy e Dragon Quest, e l’apertura mentale di un pubblico voglioso di prodotti orientali ha favorito la proliferazione di saghe più o meno famose. Non c’era quindi periodo migliore per riportare in vita Shin Megami Tensei III: Nocturne con la sua versione HD Remaster, permettendo allo stesso pubblico che si è avvicinato a Persona di riscoprire con mezzi moderni l’anima originale della serie.

Le considerazioni conclusive sul come e sul perché la Remaster farà il suo lavoro le lasceremo all’eventuale recensione in arrivo e su cui non vediamo l’ora di lavorare, oggi però ci focalizziamo sull’anteprima di inizio gioco e sui motivi per cui dovreste interessarvi al progetto se non vi siete mai avvicinati al marchio.

Shin Megami Tensei III Nocturne

Di religioni, apocalisse e toni cupi

Poniamo quindi l’esempio di appellarci a voi recenti amanti di ATLUS, e magari vi siete avvicinati a questo particolare studio con Persona 5, Catherine o anche Persona 4: prodotti quindi usciti di recente e che bene o male rappresentano un po’ quello che ATLUS ha voluto fare per venire incontro ad un pubblico variegato. Sebbene questi vi diano una buona idea di quelli che sono alcuni aspetti di Shin Megami Tensei, vi manca però il pezzo centrale della storia di SMT, ovvero quell’anima seria, oscura e fortemente religiosa/occultista che era in origine il marchio MegaTen. Di prodotti recenti legati al filone principale ce ne sono un po’, qualcuno ad esempio potrebbe ricordare Shin Megami Tensei IV per Nintendo 3DS o il più recente gioco per mobile. Sebbene ci siano effettivamente correlazioni tematiche più forti rispetto a Persona, Shin Megami Tensei III Nocturne rappresenta in definitiva l’elemento più bilanciato in tutto il franchise per via di un’impostazione più amichevole nei confronti del pubblico e moderna in termini di game design.

Oltre a essere il primo capitolo ad aver attraversato per la prima volta i mari e distribuito in occidente, è anche il primo pezzo della serie che ha abbandonato la prima persona ed è passato a un racconto in terza persona dove si vestono i panni di un individuo mezzo umano e mezzo demone, trasformato così per via di un evento apocalittico a cui è scampato per un complotto di una setta religiosa. Altro che liceali che vanno a scuola e incontrano un mondo parallelo, qui si passa subito al sodo con demoni, sangue, anime, fantasmi e sacrifici.

Shin Megami Tensei III Nocturne

La costante in ogni progetto è quella di avere Shin Megami Tensei come un RPG in cui ci sono due elementi focali: il protagonista e i demoni che si possono combattere e arruolare. In Persona questo prende la forma più intima della psiche e dell’evocazione tramite le sfaccettature dell’animo umano, mentre in Shin Megami Tensei i demoni sono… beh… demoni veri e propri, manifestati nel mondo e in lotta contro le forze angeliche comunque tutt’altro che sante. Il protagonista in Nocturne combatte davvero e ha a disposizione una serie di tecniche derivate dalla sua natura da mezzo demone, sale anche di livello ed è possibile aggiustare statistiche ed “equipaggiamento” come gli RPG vecchia scuola. I combattimenti sono brutali e richiedono una forte dose di strategia anche a “normale”, motivo per cui per questa remastered è stata studiata la difficoltà Merciful per permettere a tutti di godersi la storia senza per forza morire centinaia di volte a un boss ostico (Matador, stiamo parlando di te).

Ed è infatti la narrazione il punto forte di Shin Megami Tensei III Nocturne: un racconto cupissimo, dai toni crudi e che prende le ispirazioni religiose per trasformale, scuoterle e dissezionarle al fine di creare una lotta non tanto tra il bene e il male, quanto tra zone grigie piene di peccati, crimini e filosofia teologica. Il design dei demoni stessi è importante proprio perché ognuno di loro porta con sé una storia legata alle loro origini reali, trasformando caratteristiche delle leggende in fatti o risvolti collocati in un contesto moderno, urbano e semi-apocalittico. Il risultato è quindi l’impersonare una figura che fin da subito lotta con le divinità del mondo, soggiogandole, ingannandole o uccidendole a piacimento. Angeli, demoni e esseri minori sono pedine da scalare fino ad arrivare alle alte sfere e decidere il fato di un mondo sull’orlo del collasso. Non manca poi una sana dose di relazioni interpersonali dal tono reale, grazie a un cast di personaggi ricco di elementi misteriosi o con forti background a cui attingere. In particolare, Shin Megami Tensei III punta molto sulla personalizzazione e l’attaccamento emotivo con alcuni membri del cast, permettendo al giocatore di rinominarli per rendere più personale il rapporto con loro.

Shin Megami Tensei III Nocturne

Perciò è un gioco a cui dovreste assolutamente dare una chance se avete amato Persona per i suoi riferimenti biblici e occulti, se vi siete appassionati del lato più serio o se cercato un RPG che sia familiare nel complesso ma che presenti una sfida maggiore e più delineata. Ritroverete meccaniche come la negoziazione con i Demoni, il sistema di Debolezze, le magie e quanto altro costituisca lo scheletro ruolistico di un titolo MegaTen. Quello che ne guadagnerete sarà meramente dal punto di vista narrativo, andando a vivere una trama complessa, sfaccettata e più diretta al singolo invece che al gruppo.

Da ieri a oggi, i cambiamenti

Veniamo invece alla parte più pratica e dedicata a quelli che saranno i cambiamenti maggiori per i vecchi appassionati. Provando con mano il gioco nei suoi primi livelli su PlayStation 5, ma abbiamo modo di credere che anche su PlayStation 4 sia lo stesso, il framerate ci è parso abbastanza stabile per tutto il tempo di gioco. Chiaramente avendo provato il titolo su PlayStation 5 e in una versione di anteprima è necessario prendere questa informazione con le pinze, sebbene comunque il gioco sia già uscito nel 2020 in Giappone e ci siano dati a sufficienza per trarre le proprie conclusioni.

In questa versione è possibile scegliere il doppiaggio inglese e quello giapponese, mentre la localizzazione dei testi è anche in Italiano sottotitolata, una graditissima notizia. In termini di audio e lingua, Shin Megami Tensei III Nocturne ha subito alcune migliorie, andando quindi incontro alle esigenze moderne in termini di resa. I risultati sono evidenti anche dai primi minuti di gioco, e tutto sommato bisogna dare anche un minimo di risalto a quella che è stata una delle prime colonne sonore a cui ha lavorato Shoji Meguro: il compositore ormai storico e acclamato di Shin Megami Tensei e di tutti i Persona. Su questo lato forse si poteva fare un po’ di più, visto che alcune tracce specifiche – come quella dei primi combattimenti – ci sono sembrate di qualità inferiore rispetto ad altre.

Shin Megami Tensei III Nocturne

Le novità principali di Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster sono tuttavia da individuare nell’impatto visivo, merito di modelli poligonali ristrutturati totalmente, rimanendo però fedeli a quelli che erano i canoni originali. Dai dialoghi alle battaglie, la risoluzione maggiore e il dettaglio avanzato donano una nuova vita alla storia di Nocturne e tutto sommato, pur mostrando i suoi anni, c’è davvero da apprezzare il lavoro di ATLUS, soprattutto nei riguardi degli ambienti di gioco e delle varie scene in-game. Purtroppo però non può dirsi lo stesso delle cutscene, le quali sono rimaste esattamente come erano nel formato PlayStation 2 e quindi vengono riprodotte sullo schermo delle nostre televisioni con delle bande laterali che ricalcano la scena sfocandola. Per quanto l’effetto renda il tutto meno “vecchio” all’occhio, il formato di queste scene – così come la loro definizione – cozza molto con la qualità del gioco ristrutturato, rendendo la transizione quantomeno buffa e un segno fin troppo evidente dei tempi che furono.

Altro fattore di pregio e difetto insieme è la presenza dei contenuti aggiuntivi per questa release. Potrete infatti giocare nei panni di Dante di Devil May Cry con il Maniax Pack, ottenere il pacchetto Mercy and Expectation, avere le musiche di Shin Megami Tensei e la difficoltà Merciful citata qualche paragrafo prima, a patto di acquistare la Digital Deluxe Edition che comprende questi contenuti. Una scelta, specie per un gioco ormai storico, forse poco ragionata soprattutto perché oggetti come la difficoltà Merciful non ci sembrano elementi così esclusivi da poter essere tagliati fuori dalla release standard, la quale comprende unicamente il gioco base.

Per concludere

Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster, a prescindere da quale edizione si sceglie di perseguire, può essere un’occasione d’oro per chiunque vorrà recuperare un capitolo storico del franchise di ATLUS. Si tratta di un’avventura che non è invecchiata per niente e le parti in cui forse poteva dar segno dei suoi anni sono state, per lo più, riammodernate quanto basta. Certo, la nostra prova si limita a un’area circoscritta del gioco finale perciò lasceremo le considerazioni tecniche definitive a un secondo momento, tuttavia conoscendo il prodotto in questione nella sua versione originale, è evidente che il team ha scelto la strada migliore per preservare lo spirito originale del gioco nel tentativo di presentarlo al mercato moderno. Il risultato è già di per sé apprezzabile, pur considerando la scelta di pubblicazione divisa tra con e senza DLC un azzardo forse poco ragionato.

Shin Megami Tensei III Nocturne HD Remaster può essere acquistato nella sua versione Standard su Amazon.