PlayStation

The Lord of Rings Gollum | Daedalic ci ha mostrato un inedito gameplay

L’occasione di presentare alla stampa il gameplay di The Lord Of The Rings Gollum, ha fatto cogliere l’opportunità a Daedalic Entertainment di organizzare un evento virtuale in grado di farci provare di nuovo, seppur parzialmente, l’atmosfera che si respirava alle fiere del settore. Un nutrito gruppo di tavoli virtuali popolati da sviluppatori ci ha dato il benvenuto all’evento di Daedelic, permettendoci di “sederci” liberamente dove ci garbava per scambiare quattro chiacchiere con i team dietro i giochi che sarebbero stati presentati.

Le tempistiche sono state quelle di un’evento vero e proprio, quattro chiacchiere con i vari sviluppatori, due ore di conferenza “a luci spente” (che in questo caso erano banalmente le webcam e i microfoni dei partecipanti disattivate) e una manciata di ore per partecipare alle varie roundtable degli sviluppatori per chiedere maggiori informazioni su quanto visto. Una scaletta di tutto rispetto ci ha accompagnati per, circa due ore, alternando sul palco virtuale titoli quali: Fling to the finish, Glitchpunk, Shadow Tactics: Blades of the Shogun, Hidden Deep, Life of Delta, Inkulinati e, ovviamente, The Lord Of The Rings Gollum.

The Lord of the Ring - Gollum

La nuova produzione dedicata all’immaginario di J.R.R. Tolkien si è rivelata, come da pronostico, la mattatrice della giornata, soprattutto in virtù del fatto che Daedalic ha proposto un gameplay inedito che mostrasse maggiormente le meccaniche di gioco del titolo. Quanto abbiamo potuto vedere ci ha fatto montare un’altissima curiosità in merito alla versione finale del gioco ma ci ha anche lasciato con qualche dubbio sulla direzione che vuole prendere questa peculiare produzione.

The Lord Of The Rings Gollum è un action game in terza persona permeato d meccaniche stealth che permetterà al giocatore di impersonare Sméagol, sfruttando le sue spiccate doti atletiche per muoversi in maniera furtiva all’interno dei vari scenari di gioco. Nel filmato mostrato da Daedalic abbiamo potuto vedere Gollum arrampicarsi pressoché dappertutto per utilizzare l’architettura degli ambienti a suo vantaggio. I sensi ipersviluppati del protagonista, inoltre, gli permettono di percepire i movimenti dei nemici a distanze molto elevate permettendo al giocatore un costante controllo dell’area di gioco.

The Lord of the Ring - Gollum

Che un gioco dedicato a Gollum non potesse vertere sull’azione più frenetica era indubbio, viste le caratteristiche dell’iconico personaggio creato da Tolkien, e per questo Daedalic ha puntato tutto sul “fattore stealth”. Il gameplay mostratoci ci ha riportato alla mente le atmosfere e le dinamiche viste nei due giochi dedicati a Styx. Abbiamo potuto osservare Gollum esplorare le aree, rinvenirne i segreti nascosti al loro interno e sfruttare le posizioni di vantaggio per piombare sui nemici mettendoli fuori combattimento. Non è mancato un piacevole “effetto sorpresa” dato dall’introduzione di alleati che andranno a supportare Gollum durante le missioni, sopperendo ai limiti dettati dalla fisicità del protagonista.

The Lord of the Ring - Gollum

Il gameplay mostratoci durante l’evento, non si è limitato solo a presentarci un assaggio delle meccaniche di gioco di The Lord Of The Rings Gollum ma ci ha permesso di dare una prima occhiata al comparto tecnico della produzione di Daedalic. Pur non potendo, e non volendo, avanzare alcuna valutazione in merito, il poco che abbiamo visto non ci ha convinto del tutto anche in virtù di uno stato ancora preliminare dei lavori. Le animazioni di Gollum sono molto rigide con alcuni movimenti tuttora assenti e le espressioni facciali dei vari personaggi presenti nella demo, si sono mostrate spente e non del tutto capaci di trasmettere reali emozioni. Discorso diverso per quanto riguarda le ambientazioni, tutte evocative, ricche di dettagli e con un’illuminazione molto convincente.

In seguito a questa breve presentazione, i dubbi maggiori verso The Lord Of The Rings Gollum sono tutti rivolti alle ambizioni a cui aspira la nuova produzione di Daedalic. L’atmosfera “Tolkeniana” c’è tutta, così come un personaggio carismatico e che apre a una storia potenzialmente profonda e ricca di fan service, quello che ci spaventa è come verrà strutturata l’esperienza finale, se sarà sufficientemente varia e se riuscirà a mostrarsi tecnicamente valida in un panorama rivolto verso le potenzialità dei nuovi hardware usciti lo scorso autunno.

L’ultimo gioco dedicato al signore degli anelli, l’ombra della guerra, è un titolo che vi consigliamo di provare se non lo avete ancora fatto.