PlayStation

Xbox 720 con controller-tablet stile Playstation Vita

La prossima Xbox potrebbe avere un controller touchscreen simile alla Playstation Vita. L’ultimo numero del magazine Xbox World pubblica questa indiscrezione, da prendere con le pinze, che circola da qualche tempo –  e avevamo già avuto modo di rilanciare qualche mese fa.

Si tratterebbe di un dispositivo con touchscreen HD circondato dai soliti tasti e stick tipici del controller dell’Xbox 360, più compatto della soluzione vista con la Wii U all’E3 del giugno scorso. L’immagine a schermo sarebbe in grado di adattarsi ai contenuti. Ad esempio guardando la TV dovrebbe trasformarsi in un telecomando; navigando online i un’interfaccia browser e durante il gioco, potrà offrire tasti extra, informazioni o diventare una console portatile casalinga.

Non è chiaro se questo tipo di controller sarà opzionale, si aggiungerà a quello classico o che altro.  Si dice che “questo touchcreen sarà solamente secondo a Kinect nel modo in cui opererà con la vostra console”. L’Xbox 720 “sarà un hub nero opaco, che avrà la missione di portare i giochi in vita nel vostro salotto grazie alla realtà aumentata, al suono direzionale, alla possibilità di giocare fino a quattro giocatori e al tracciamento delle dita tramite Kinect”.

Il magazine afferma che la console potrebbe essere costare 399 sterline, al cambio circa 476 euro. “Microsoft gioca sul sicuro con CPU e GPU, ma sta spingendo sulle opzioni di gioco. Non sarà a buon mercato”. Questa è solo l’ultima indiscrezione in ordine di tempo sulla prossima console della casa di Redmond, per cui c’è molta attesa. C’è chi parla di una potenza da sei a otto volte maggiore rispetto all’Xbox 360 e della centralità di Kinect come soluzioni d’interazione.

Se ci sarà anche un tablet-controller è da vedere, così come la presenza della vociferata tecnologia anti-giochi usati, che ha spaccato in due il mondo degli sviluppatori (Xbox 720 contro i giochi usati, sviluppatori in estasi  – Xbox 720 contro i giochi usati, è polemica: c’è chi dice no). Tanto da qui al 2013 inoltrato – presunta data di uscita del prodotto – di voci di corridoio ne circoleranno a iosa. Prepariamo l’elmetto.