Tom's Hardware Italia
Telco

5G da record, auto connessa a 8 Gbps viaggiando a 100 km/h

Connessione a 8 Gbps con l'automobile che viaggia a 100 km/h e addirittura a 11 Gbps scendendo a 30 Km7H: sono i due straordinari risultati conseguiti nelle scorse ore da Ericsson e dalla telco nipponica NTTGocomo. Il 2020 si avvicina e in previsione dell'implementazione del 5G tutte le aziende del settore sono in piena attività […]

Connessione a 8 Gbps con l'automobile che viaggia a 100 km/h e addirittura a 11 Gbps scendendo a 30 Km7H: sono i due straordinari risultati conseguiti nelle scorse ore da Ericsson e dalla telco nipponica NTTGocomo.

Il 2020 si avvicina e in previsione dell'implementazione del 5G tutte le aziende del settore sono in piena attività per sperimentare, sviluppare e implementare nuove soluzioni e tecnologie che consentano di arrivare pronti all'appuntamento con la Storia.

0725 00 5 pc

Sì perché come ripetuto molte volte il 5G non è una semplice evoluzione del 4G per "navigare più velocemente" su smartphone o guardare film in streaming in alta risoluzione. Certo, consentirà anche questo ma in prospettiva sarà soprattutto un facilitatore per lo sviluppo e l'esplosione definitiva dell'IoT, dell'Industria 4.0, della smart home e ovviamente anche di smart city e auto a guida autonoma.

Leggi anche: Fastweb e Ericsson insieme per Genova 5G

La sperimentazione di Ericsson e NTTDocomo va proprio in questa direzione, perché in futuro auto, strade e città intelligenti dovranno dialogare e scambiarsi costantemente dati e dovranno farlo in tempo reale, senza intoppi.

0725 00 3 pc

Per raggiungere l'obiettivo è stata utilizzata per la prima volta una cosiddetta On Glass Antenna compatibile con connessioni 5G a 28 GHz. L'antenna montata sul parabrezza dell'automobile, utilizza le tecnologie beamforming per concentrare le onde radio in una specifica direzione, e MIMO (Multiple-Input Multiple-Output), per migliorare invece la velocità di comunicazione trasmettendo simultaneamente più dati da molteplici antenne. In questo modo NTTDocomo e Ericcson sono riuscite a risolvere i problemi di propagazione sulle lunghe distanze e forte perdita di dati tipiche della banda a 28 GHz.