Tom's Hardware Italia
Streaming e Web Service

Apple, “It’s showtime” il 25 marzo. Nuovo servizio video streaming?

Apple ha programmato un evento speciale per il 25 marzo con il claim "It's showtime": è molto probabile che si tratti del nuovo servizio video streaming.

“It’s showtime” è il messaggio che Apple ha messo a chiare lettere sugli inviti dell’evento speciale programmato per il 25 marzo: di fatto è giunto il momento del nuovo servizio video streaming a pagamento. La GIF di accompagnamento della mail non consente fraintendimenti, dato che la grafica del countdown numerico è un chiaro riferimento al mondo della cinematografia.

Apple usò la stessa tagline “It’s showtime” nel 2006 per svelare l’Apple TV. L’ultima versione del noto media player è stata rilasciata nel settembre del 2017 e in linea di massima è adeguata per l’attuale offerta di contenuti: supporta infatti la risoluzione 4K (2160p) ed è compatibile con HEVC, HDR10, Dolby Vision e Dolby Atmos. Insomma, possibile un nuovo modello ma secondo le più recenti indiscrezioni è più probabile il lancio dell’atteso servizio video-streaming e forse una chiavetta HDMI– sulla falsariga del Chromecast e Amazon Fire TV Stick.

È bene però sgombrare il campo da facili entusiasmi. Apple difficilmente consentirà tutte le libertà d’uso fornite dai concorrenti. Più verosimile invece un dispositivo da collegare a qualsiasi televisore con porta HDMI in modo da fornire l’accesso a diversi servizi Apple. Ovviamente bisognerà disporre di una connessione a Internet, ma sarebbe almeno risolto il problema della compatibilità delle Smart TV. Oggi tutte le piattaforme video sono costrette a sviluppare singole app per ogni marchio di Smart TV. Inoltre, come ben sanno gli utenti, spesso queste interfacce risultano complicate da gestire e poco immediate.

Apple negli ultimi due anni sembrerebbe essersi assicurata la collaborazione di diversi produttori e network statunitensi. L’autorevole The Informant ha ricevuto conferme da almeno tre fonti del settore e pare che i primi studios coinvolti sarebbero A24 e Oprah Winfrey Network. Il primo soprattutto appare degno di nota poiché negli anni ha prodotto i “film indipendenti” The Disaster Artist, Lady Bird, Moonlinght, Ex Machina, Bling Ring e altri successi. Scontata comunque la disponibilità di esclusive e la collaborazione con altre major di peso.

Da tempo si parla ad esempio di serie ispirate a Amazing Stories, Hunger Games e La La Land. Insomma, Apple dovrebbe essere in grado di giocare ad armi pari con Netflix e Amazon. La discriminante ovviamente sarà il prezzo e il portfolio iniziale. Il mercato di riferimento per ora dovrebbe essere quello statunitense.

Non si escludono altre novità per l’evento del 25 marzo. Possibile la presentazione di un servizio news ad abbonamento e anche un web magazine. Il tutto per potenziare ulteriormente l’ecosistema Apple.

L’evento “It’s showtime” si terrà presso lo Steve Jobs Theater, dove è avvenuta la presentazione ufficiale dell’iPhone X nel settembre 2017 e degli ultimi iPad esattamente un anno fa. Non resta che attendere che si alzi il sipario e magari seguire la diretta streaming sul sito ufficiale.

E se vi è venuta voglia di Apple TV 4K