Criptovalute

BlockFi regala per sbaglio bitcoin agli utenti… e li minaccia!

L’affidabilità e la serietà delle aziende che lavorano nel campo delle criptovalute è uno degli aspetti più controversi di questo mondo. Le scarse garanzie per gli utenti non sono solo il motivo per cui la Bank of England e altre istituzioni pongono dubbi sul valore dei bitcoin, ma spingono stati come la Turchia a porre un freno ad aziende e farm applicando le norme contro il terrorismo e il riciclaggio. Purtroppo BlockFi, una delle aziende più importanti nel mondo del bitcoin, ha fatto una gaffe. Cos’è successo?

BlockFi è un’azienda fintech statunitense. Fondata nel 2017 per offrire prestiti in fiat ai possessori di criptovalute, ebbe inizialmente un successo straordinario attirando l’attenzione di importanti investitori del settore: ConsenSys Ventures, Coinbase, di cui vi abbiamo riportato gli straordinari guadagni nel Q1 2021, anche il fondo d’investimento controllato dai fratelli Winklevoss. Oggi BlockFi offre una ricca suite di strumenti per gli investitori in criptovalute, un’interfaccia di trading funzionale e conti risparmio direttamente in bitcoin.

BlockFi, come altre aziende, prova ad attrarre i clienti con interessanti promozioni. Una di queste, denominata “March Trading Promo“, prevedeva tra il 18 e il 31 marzo BlockFi offrisse ricompense in bitcoin ai clienti con volumi di trading in dollari statunitensi oltre una determinata soglia. L’accredito di tali bonus è avvenuto lo scorso 31 maggio… con una gradita sorpresa per circa 100 utenti, che si sono ritrovati sul conto bonus di 700 bitcoin. Alcuni di questi utenti hanno raccontato, su Twitter e Reddit, di essere stati successivamente contattati da BlockFi che li avrebbe invitati a restituire il bonus erroneamente erogato. Qualora non avessero ottemperato a questa richiesta, BlockFi avrebbe proceduto per vie legali.

A seguito delle lamentele, BlockFi ha annunciato su Reddit che sta lavorando per risolvere questi problemi e che nessuno influisce sul normale utilizzo della piattaforma. Il CEO di BlockFi, Zac Prince, ha inoltre precisato su Twitter che “l’importo a rischio è una frazione dei BTC che possediamo con capitale proprio e una frazione delle riserve di emergenza che abbiamo proprio per questi scopi”.

Per investire in criptovalute e proteggere i proprio guadagni, suggeriamo l’uso di un wallet. Ledger è leader del settore: trovate i suoi prodotti su Amazon.