Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Che forma ha l’Universo? Una gigantesca ragnatela!

Un libro affascinante sull'Universo e sulla struttura del Cosmo, scritto da uno dei maggiori cosmologi contemporanei. Indicato per chi ha conoscenze di medio livello, è un saggio che da solo permette di capire meglio su cosa vertono le ricerche in corso e quali sono le domande a cui la Scienza sta ancora cercando di dare una risposta.

Grazie ad Antonio D'Isanto, Giulia Alemanno, Mosé Giordano e Lorenzo Pizzuti – i nostri eccellenti consulenti di astrofisica e astronomia – e ai docenti dell'Università dell'Insubria, da tempo vi stiamo tenendo aggiornati sui principali sviluppi delle ricerche scientifiche in questo ambito. I lettori che si sono appassionati a questi contenuti sono moltissimi, ma spesso ci rendiamo conto che per collocare nella giusta posizione i tasselli dei progressi di oggi sarebbe importante conoscere il puzzle completo di quello che l'uomo ha scoperto finora.

81MC9sTYmZL

Ecco perché oggi vi propongo la lettura de "La ragnatela cosmica. La misteriosa architettura dell'universo", che fra i numerosi libri sull'argomento è a mio avviso il migliore. Il primo motivo è scritto proprio sulla copertina: l'autore J. Richard Gott; non uno scrittore qualunque, o un qualunque professore di astrofisica all'Università di Princeton (che già sarebbe più che sufficiente per dargli credito), ma uno dei maggiori cosmologi contemporanei, uno dei primi a proporre un modello di struttura del nostro Universo che somiglia a una ragnatela, il primo a mappare una struttura di galassie da 1,37 miliardi di anni luce di lunghezza, entrando nel Guiness dei primati insieme al collega Mario Juric.

Nell'ambiente Gott è un'istituzione ed è la persona più adatta per farci capire com'è fatto l'Universo fin dove lo conosciamo, ben al di là del Sistema Solare, al di là della Via Lattea. Quante sono le galassie, se e come sono collegate fra loro, c'è un confine oltre il quale non c'è più nulla sono solo alcuni degli argomenti trattati in questo libro, che non è una cronistoria noiosa di scoperte ma un racconto di prima mano di chi alle ricerche ha partecipato attivamente, facendo tesoro di quanto lasciato da pionieri come Edwin Hubble e lo stravagante Fritz Zwicky, da cui parte il libro, e spingendosi molto oltre.

Depositphotos 11836317 l 2015 © Tonygers
Foto: © Tonygers / Depositphotos

Il titolo ammiccante e apparentemente banale non deve ingannare. Questo libro non è indicato per chi non sa nulla di astrofisica e vuole leggere una descrizione coinvolgente su come sono fatte le galassie. Per far capire bene i concetti, Gott ha inserito grafici e formule, che si possono anche saltare nella lettura se non si ha una formazione matematica, e soprattutto ha realizzato un testo che è meno leggero della più popolare "Trama del Cosmo" di Brian Greene, per intenderci.

È un racconto da parte di chi le scoperte e le ricerche le ha vissute dall'interno, che spazia dagli universi bolla (multiverso) all'inflazione cosmica, alla radiazione cosmica di fondo per arrivare all'energia oscura, in un excursus temporale che va dai primi anni del 1900 ai giorni nostri.  E che comprende anche aneddoti, retroscena sociali e culturali (interessantissimo il periodo della guerra fredda e come ha impattato sulla ricerca scientifica), storie personali, esperienze dirette.

Alcuni argomenti sono accessibili, altri molto spinosi e richiedono conoscenze di base più approfondite, ma se ve la sentite di addentrarvi in questa ragnatela cosmica scoprirete molte informazioni interessanti e illuminanti, che alla fine vi porteranno a tifare per i ricercatori e il loro lavoro perché sarete ansiosi di conoscere le risposte alle molte domande che restano tuttora aperte.


Tom's Consiglia

Il Cosmo vi affascina ma non vi piace leggere? Guardate i DVD del cofanetto con la raccolta di documentari Science show – Le frontiere dell'astronomia narrate da Morgan Freeman.