Tom's Hardware Italia
Sicurezza

Denuncia Apple per 1 mld di dollari e fa emergere un (presunto) segreto degli Apple Store

Un giovane newyorchese accusato ingiustamente di furto presso diversi Apple Store ha denunciato Apple per una vicenda giudiziaria a dir poco sorprendente.

Un giovane studente newyorchese ha denunciato Apple per 1 miliardo di dollari di danni, a seguito di un errore giudiziario generato dal sistema di riconoscimento facciale che presumibilmente l’azienda impiega nei suoi negozi. L’intera vicenda ha un che di bizzarro e di preoccupante.

Tutto è iniziato a maggio 2018, come racconta CNET, quando il diciottenne Ousmane Bah viene convocato a Boston per una denuncia di furto. È accusato di aver rubato diversi prodotti presso uno degli Apple Store locali. Dopodiché a giugno riceve denunce analoghe legate ad altri negozi Apple del New Jersey, del Delaware e di New York. Il 29 novembre alle 4.00 di mattina viene arrestato dalla NYPD. Il problema è che negli ordini di arresto ci sono i suoi dati ma le foto prese dai circuiti di video sorveglianza non corrispondono.

I giovane ammette che per i dati personali qualcuno potrebbe aver approfittato dello smarrimento del suo foglio rosa – sprovvisto comunque di foto. E infatti il ladro pare aver impiegato un documento di identità fasullo che fa riferimento a Ousmane Bah. Ok, ma come sono risaliti a lui dai video?

Inizialmente Apple, da quanto si legge nella denuncia di Ousmane Bah, avrebbe assicurato di non possedere registrazioni video, poiché vengono cancellate dopo gli arresti. Il Detective John Reinhold della NYPD però è andato a fondo, perché troppi dettagli non tornavano: il giovane è un brillante studente incensurato, per alcuni furti ha un alibi di ferro, si parla di diverse località a distanza di centinaia di km e poi la foto non corrisponde.

Ebbene, il detective alla fine ha confermato che Apple impiega un sistema di riconoscimento facciale nei negozi. Pare che sia in grado di rilevare persone presenti in liste di sospetti: individuato il ladro con le telecamere la prima volta è stato facile trovarne riscontro le altre. Il che avrebbe un senso considerato che l’arresto è avvenuto quando erano emersi furti in più negozi della catena. Ovviamente la piattaforma è stata tratta in inganno perché mancava la corrispondenza tra i documenti e le reali fattezze di Bah, ma questo si è scoperto solo alla fine.

Stupisce inoltre che questo sistema non sia mai stato pubblicizzato dall’azienda, anche perché vi sarebbero delle implicazioni sulla privacy. Ad ogni modo questa è la parola del detective e Apple fino ad ora non si espressa in merito.

La buona notizia è che in tutti gli stati le accuse sono state ritirate, e il giovane è ritornato alla sua vita. Resta il fatto che lo stress accumulato dalla vicenda e i presunti danni alla sua reputazione l’hanno convinto a denunciare Apple.

Aggiornamento del 24 aprile 2019. Apple ha dichiarato a The Verge di non impiegare tecnologie di riconoscimento facciale dentro i negozi e lo stesso ha confermato il Detective John Reinhold. A questo punto, dato che la denuncia esplicita questa tecnologia per ammissione dello stesso Reinhold, si suppone che il suo uso sia esterno. E l’ipotetico fornitore, secondo The Verge, potrebbe essere Security Industry Specialists.