Tom's Hardware Italia
Tecnologia

Dyson Supersonic, l’asciugacapelli reinventato

Pagina 1: Dyson Supersonic, l’asciugacapelli reinventato
Supersonic è l'asciugacapelli che chiunque acquisterebbe, se non fosse per il prezzo. Dyson ha migliorato tutte le caratteristiche di questo prodotto essenziale per la cura dei propri capelli.

Dyson Supersonic

 

Dyson Supersonic è un asciugacapelli non solo di design, ma anche di sostanza.

41Gao0J7fLL


Dyson è tra le aziende che grazie all'applicazione di nuove tecnologie è stata in grado di migliorare, e in alcuni casi rivoluzionare, oggetti d'uso comune rimasti pressoché immutati negli anni. 

Uno di questi oggetti è l'asciugacapelli Supersonic, frutto di un investimento pari a 70milioni di euro in ricerca e sviluppo durato quattro anni, 600 differenti prototipi e oltre 100 brevetti in fase di deposito.

Il risultato del lavoro dei 103 ingegneri impiegati nel progetto è stato appunto Supersonic, l'asciugacapelli più veloce e silenzioso del mercato, nonché il più sicuro per la cura dei capelli. Non siamo in grado di giudicare quest'ultima affermazione, dato che non ci occupiamo di capelli, bensì di tecnologia, e infatti la nostra prova dell'asciugacapelli Dyson si concentrerà si questo aspetto, lasciando i giudizi di cura e bellezza a chi ne sa più di noi.

MVIMG 20180102 130148

Sono due le cose che saltano subito all'occhio quando si parla di Supersonic: il design molto ricercato, e il prezzo. Stiamo parlando di un asciugacapelli dal prezzo di listino di 399 euro, un costo elevato che per alcuni sarà totalmente fuori mercato, immagino soprattutto per i maschietti meno vanitosi, ma certamente sarà più apprezzato e giustificato dal pubblico femminile che ha chiaramente una maggior cura della propria chioma, nonché tende a sottoporre i capelli a uno stress maggiore. Vedremo più avanti i vantaggi in termini di salute comunicati da Dyson, ora vediamo com'è fatto e la componente tecnologica.

Com'è fatto

L'immagine dell'asciugacapelli è ben scolpita nell'immaginario di tutti noi, composta da un corpo allungato e da un manico. Immagino che anche il funzionamento sia chiaro alla maggior parte: una ventola nella parte posteriore del corpo spinge aria verso il beccuccio, che in questo percorso passa prima attraverso una serpentina che la riscalda.

Supersonic mantiene il manico, ma perde quasi completamente il corpo allungato, sostituito da una sorta di toroide leggermente allungato – o un cilindro cavo al centro, se preferite. Le immagini in questa pagina descrivono certamente meglio la forma. L'aria come per magia sembra uscire dal foro centrale, ma non è proprio così, come vedremo.

IMG 20180102 130036
IMG 20180102 130029

Sul manico è presente un interruttore a scorrimento per l'accensione e un pulsante per attivare l'aria fredda, quindi disattivare il riscaldamento. Sul bordo del cilindro sono presenti due ulteriori piccoli pulsanti, uno per impostare la temperatura e l'altro per la velocità dell'aria, entrambi abbinati a tre LED (rossi e blu) che indicano i tre livelli di velocità e temperatura selezionabili. Nonostante il posizionamento di questi controlli sia in qualche modo parte del design, sono anti-ergonomici, in quanto non a portata di dito.

Si può usare senza beccuccio, e in quel caso il getto d'aria sarà molto ampio, mentre potrete collegare i vari beccucci per rendere il getto d'aria più o meno direzionale, nonché il diffusore, per differenti tipi di capelli e pettinature. In questi beccucci vediamo già un paio di novità rispetto agli asciugacapelli comuni: sono magnetici, quindi si attacco e staccano velocemente e con precisione, ma soprattutto è stata impiegata la tecnologia che Dyson definisce "HeatShield", cioè l'aria calda è circondata da un getto di aria fredda, che mantiene i beccucci freddi. Infatti anche dopo un uso prolungato è possibile afferrare i beccucci senza problemi, mentre con i normali asciugacapelli raggiungono temperature elevate, magari non a livelli da scottarsi, ma di certo non è piacevole.

IMG 20180102 130309
MVIMG 20180102 130320

Cosa più importante, quando si usa una spazzola e si mette a contatto con il beccuccio, può addirittura capitare di sciogliere (deformare) la plastica dei denti della spazzola.