Tom's Hardware Italia
Sicurezza

Facebook, bug sblocca le black list di oltre 800mila utenti

Tra il 29 maggio e il 5 giugno scorsi, il sistema di black list di Facebook ha avuto un malfunzionamento in seguito a un bug ed ha quindi sbloccato almeno un contatto tra quelli precedentemente inseriti, per oltre 800mila utenti in tutto il mondo. In questo lasso di tempo i contatti sbloccati sono tornati a […]

Tra il 29 maggio e il 5 giugno scorsi, il sistema di black list di Facebook ha avuto un malfunzionamento in seguito a un bug ed ha quindi sbloccato almeno un contatto tra quelli precedentemente inseriti, per oltre 800mila utenti in tutto il mondo. In questo lasso di tempo i contatti sbloccati sono tornati a vedere i post condivisi dagli utenti, anche se non quelli destinati soltanto agli amici. A darne notizia è stata Erin Egan, responsabile privacy di Facebook, tramite un post sul blog ufficiale.

La black list o lista nera è uno strumento fondamentale per gli utenti su Facebook e può essere utilizzata per mille motivi. Solitamente infatti molti contatti non sono rappresentati da parenti e amici della vita di tutti i giorni, ma da persone sconosciute con cui magari si condivide un interesse e ai quali però non si vuol far conoscere gli altri aspetti della propria vita.

image001

Ma possono essere anche persone legate all'ambiente lavorativo, che su vuol tenere fuori dai post più personali in cui vengono fuori le proprie preferenze politiche, sessuali o religiose, o infine semplicemente, nel corso del tempo i rapporti possono cambiare e diventare meno stretti e profondi e così, anche senza cancellare un'amicizia, si può decidere di escludere questi contatti dalla maggior parte dei propri post.

In ogni caso il problema è stato ormai risolto e, cosa più importante, tutto è stato ripristinato alle impostazioni precedenti e gli utenti nuovamente inseriti nelle black list. Tutti gli utenti coinvolti inoltre sono stati contattati direttamente, tramite una notifica nella quale è stato spiegato l'accaduto, per cui se non avete ricevuto nulla non preoccupatevi, la vostra privacy non è mai stata in pericolo.