Tom's Hardware Italia
Telco

Fatturazione a 28 giorni, poche speranze per le restituzioni

Difficile che gli operatori restituiscano ai clienti i proventi della fatturazione a 28 giorni, più probabile che dal 2018 ritorni tutto alla normalità.

No, le telco non restituiranno i proventi generati dalla fatturazione a 28 giorni – a meno di un coupe de theatre in Parlamento. Anche se l'AGCOM dovesse far scattare le sanzioni nei confronti di TIM, Vodafone, WindTre e Fastweb e il Governo approvasse uno degli attuali emendamenti proposti dagli esponenti del PD e M5S, il passato andrebbe in "prescrizione".

Nessuno ha parlato di retroattività: non vi è traccia di rimborsi in tutte le carte. Al massimo si parla per il futuro – sempre che arrivi la legge – di sanzioni e rimborsi nel caso qualcuno violi le nuove norme. Forse ci sarà qualche margine di manovra per le associazioni dei consumatori, ma è difficile prevederlo.

28 giorni

La giocata da 1,19 miliardi di euro è persa – questa la cifra ufficiosa stimata dall'AGCOM. Però emerge un'altra criticità. Gli operatori, in caso di variazione contrattuale, spalmeranno le stesse tariffe sui 12 mesi oppure rimoduleranno al ribasso in proporzione?

Leggi anche: Quanto ha reso la fatturazione a 28 giorni? 1,19 miliardi

La sensazione è che procederanno in ordine sparso, perché sennò non avrebbe poco senso il tentativo di TIM e WindTre di contrattare la sospensione del diritto di recesso gratuito. Per altro secondo indiscrezioni captate da più fonti romane, pare che l'AD di TIM Amos Genish abbia commissionato prima di partire per l'estero uno studio sugli effetti della variazione abbinata a rincari tariffari del 10%. Come se l'ex monopolista avesse qualche dubbio sul da farsi per non perdere comunque il bonus dell'8% incamerato quest'anno.

Le uniche certezze sono Asstel, che continua a ribadire la legittimità della fatturazione a 28 giorni, e la politica, che si è apertamente schierata contro le telco. Non bisogna però confondere la facciata con la sostanza. Asstel agirà come desiderano gli operatori; la politica medierà tra gli interessi delle aziende e il termometro elettorale.

Ad ogni modo ogni eventuale novità sarà introdotta a partire dal 2018.


Tom's Consiglia

Cerchi un buon monitor FreeSync da 27 pollici per vedere meglio le note in piccolo delle offerte degli operatori? AOC l'Agon AG271QX a un prezzo concorrenziale.