Criptovalute

Gli USA diventano il più grande mercato di mining di bitcoin… grazie alla Cina

Gli Stati Uniti sono diventati il più grande mercato al mondo per il mining di Bitcoin, secondo i nuovi dati dell’Università di Cambridge, con una quota del 35,4% del mercato, a seguito dell’esodo di massa di minatori dalla Cina dopo che il governo cinese ha vietato le attività di mining all’inizio di quest’anno. Kazakistan e Russia seguono gli Stati Uniti, con quote rispettivamente del 18,1% e dell’11%.

“L’effetto immediato del divieto imposto dal governo sul mining di criptovalute in Cina è stato un calo del 38% del tasso di hash della rete globale nel giugno 2021 – che corrisponde all’incirca alla quota cinese del tasso di hash prima del giro di vite, suggerendo che i minatori cinesi hanno cessato le operazioni contemporaneamente”, ha detto Michel Rauchs, responsabile delle risorse digitali presso il Cambridge Centre for Alternative Finance.

Ph. Marco Verch

La Cina ha a lungo vietato il trading di criptovaluta, ma all’inizio di quest’anno il governo ha anche imposto un divieto di mining di criptovalute. Quel divieto – e il conseguente esodo dei minatori – ha dato l’opportunità ad altre nazioni di acquisire peso sullo scenario mondiale.

Nell’aprile 2021, gli Stati Uniti avevano solo il 16,8% della quota globale di hashrate, il che significa che la quota di mercato americana è aumentata del 105%. Allo stesso modo, il Kazakistan e la Russia hanno aumentato le loro quote rispettivamente del 120% e del 61%. Oltre alle tre nuove superpotenze minerarie, Canada (9,55%), Irlanda (4,68%), Malesia (4,59%), Germania (4,48%) e Iran (3,11%) rappresentano le quote di hashrate più grandi.