Tom's Hardware Italia
Home Cinema

I supporti del video digitale

Pagina 2: I supporti del video digitale
Vi presentiamo una breve guida ai principali formati di codifica audio e video, un tutorial su come trasferire DVD su CD tramite i codec DivX e XviD, il software DivX Video Duplicator 2, la periferica di acquisizione e output Pinnacle Studio MovieBox e infine il libro che ci ha ispirato questo vademecum.

I supporti del video digitale

Grazie all’evoluzione dei formati di compressione, oggi con il computer
si possono creare filmati di qualità da trasferire con il masterizzatore
su CD registrabile e poi riprodurre sul televisore grazie a un lettore DVD domestico.

Esistono alcuni formati standard: il videoCD (VCD), il supervideoCD (SVCD), e
il DVD.

Il CD è stato scelto per la produzione del VCD siccome utilizza un bit
rate analogo a quello del CD audio. La meccanica è la stessa dei lettori
CD e i costi sono più contenuti. Il VCD include video codificato MPEG-1
e audio MP2. Di contro il VCD supporta i menù, cioè una struttura
logica per organizzare i dati memorizzati. L’uso intensivo dei menù
rende molto versatile questo strumento multimediale.
Al VCD è subentrato il SVCD. Anche questo standard usa il CD come supporto
di memorizzazione. Il SVCD utilizza l’MPEG-2, garantisce ottime prestazioni
audio; un notevole miglioramento del video grazie all’adozione del bit rate
variabile; una risoluzione superiore. Un SVCD alla massima qualità può
contenere soltanto 40 minuti di video, ma è l’unico limite rispetto
a tanti altri pregi. Il SVCD è infatti una valida alternativa al DVD.