Tom's Hardware Italia
IoT

Il mercato degli Smart Speaker è in continua crescita e Amazon gongola

Secondo i dati raccolti da Edison Research, a fine 2018 sarebbero stati spediti circa 120 milioni di speaker smart solo negli Stati Uniti. Amazon sembra già detenere la leadership del settore.

Quasi 120 milioni di speaker smart nelle case di 53 milioni di utenti statunitensi. Sono questi i dati raccolti da Edison Research e aggiornati a dicembre del 2018. Questo particolare mercato continua a crescere, e lo farà a ritmi ancora più sostenuti nel corso dell’anno appena iniziato. A farla da padrone, neanche a dirlo, ci sarà Amazon con i suoi dispositivi Echo, che già adesso detiene la leadership.

I primi speaker Echo sono stati annunciati nel 2014. All’epoca sembrava impensabile che la gente fosse disposta a mettersi in casa dei dispositivi in grado letteralmente di “ascoltare”, per poi dare accesso a tutta una serie di funzionalità. Come spesso avviene però i giganti dell’hi-tech, da Amazon a Google passando per Apple, sono riusciti ad anticipare un’esigenza degli utenti, ovvero poter automatizzare determinate operazioni servendosi semplicemente della voce.

Dall’ormai lontano 2014, quindi in soli 4 anni, Amazon ha spedito oltre 100 milioni di dispositivi Echo. Inoltre, i dati raccolti da Edison Research mettono in evidenza un aspetto importante: il 52% dei proprietari di smart speaker negli Stati Uniti ne ha più di uno in casa, segno evidente di come si tenda sempre più a costruire un vero e proprio ecosistema.

In quest’ottica, Amazon è nuovamente avvantaggiata. Il gigante di Seattle ha a disposizione decine di servizi in grado di interfacciarsi con gli speaker Echo ed essere gestiti da Alexa, primo fra tutti l’e-commerce. La sensazione è che la partita si giocherà essenzialmente con Google, in quanto Assistant ha ormai raggiunto una certa maturità e Big G può giocarsi la carta della base d’utenza fornita dagli smartphone Android.

Le varie previsioni parlano di oltre 300 milioni di speaker smart spediti entro la fine del 2019. Considerando l’avvento del 5G e la successiva esplosione del settore della domotica, è molto probabile che quest’anno si possa assistere a una vera e propria invasione dei vari Amazon Echo e Google Home. Vedremo quella che sarà la risposta di Apple, con HomePod che sembra essere un passo indietro, senza dimenticare Microsoft con Cortana, che non si è ancora affacciata in questo particolare mercato con soluzioni proprietarie.

Echo Plus, uno degli smart speaker di Amazon, è in grado di fungere da hub per i dispositivi Philips Hue, senza dover acquistare bridge esterni. Lo trovate a questo link.