e-Gov

Il Parlamento UE conferma il geo-blocking, colpo di scena!

Il Parlamento Europeo ieri ha approvato un mandato negoziale con i governi UE che di fatto conferma sostanzialmente il "geo-blocking", ovvero il mantenimento delle attuali regole sulla circolazione dei contenuti audio-visivi in Europa. Dopodiché avvierà un confronto con il Consiglio UE.

Insomma, sembra evaporare la possibilità di accedere liberamente ai contenuti trasmessi via etere oppure in streaming da broadcaster e operatori a prescindere dal luogo di residenza. Rimane intaccata però la futura portabilità del proprio abbonamento a patto che la piattaforma sigli accordi con i detentori dei diritti per ogni singolo paese.

"Il voto odierno è una delusione per la gente, i creatori e la diversità culturale, sembra di essere ancora nel XX secolo", ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Ue per il mercato digitale Andrus Ansip, assicurando di "continuare a difendere con forza la proposta equilibrata" nei negoziati che si apriranno ora.

Gli addetti ai lavori parlano di un passo indietro rispetto ai principi di "Digital Single Market", tanto sbandierati dalla Commissione UE. E dire che qualche settimana fa la stessa Commissione aveva annunciato un accordo con il Parlamento che apre la strada alla portabilità degli abbonamenti online a partire dal 2018.

Gli emendamenti correlati erano contenuti in quella che tutti conoscono come Sat-Cab Regulation, ma ieri il Parlamento ne ha rigettati la maggioranza.

parlamento UE

Cosa è successo quindi? Semplicemente, per citare un esempio, la scorsa settimana i membri del European Parliament Committee on Legal Affairs e gli eurodeputati hanno riconosciuto che gli abbonamenti televisivi per vedere la Bundesliga in Polonia costano l'85% in meno rispetto a quanto pagano i tedeschi. La differenza di prezzo ovviamente riflette la difformità di domanda e rimuovere la possibilità di negoziazione avrebbe avuto effetti collaterali negativi sui ricavi.

Leggi anche: UE, dal 2018 portabilità degli abbonamenti streaming

"La regolamentazione SatCab è stata ideata inizialmente per favorire la circolazione dei contenuti in Europa e consentire sia ai consumatori che al settore audiovisivo europeo di ottenere i benefici del Digital Single Market", ha commentato Nicola Frank, capo degli affari europei dell'European Broadcasting Union. "Il voto del 12 dicembre va contro queste intenzioni, mantenendo il mercato europeo frammentato e rifiutando ai cittadini un migliore accesso alla cultura europea".

Nicola Frank e altri colleghi si augurano che si possa correggere questo indirizzo, dato che la procedura legislativa non è ancora conclusa.

geoblocking

L'unica nota positiva del documento del Parlamento UE riguarda la semplificazione della "diffusione online di notiziari e programmi di attualità anche in Stati membri diversi da quello dove sono stati prodotti". Il tutto grazie a una semplificazione della procedura per la concessione dell'uso in tutta l'UE di materiale protetto dal diritto d'autore.

 "Attualmente le emittenti radiotelevisive devono ottenere la liberatoria dai diritti d'autore per ogni Paese in cui intendono trasmettere online notiziari e programmi di attualità, spesso necessaria in tempi brevissimi. Con le nuove norme, sarebbe possibile ottenere l'autorizzazione solo nel proprio Paese, per poi poter diffondere il programma in tutta l'UE", si legge nella nota del Parlamento UE.

"Tuttavia, gli eurodeputati hanno anche confermato la norma che prevede la possibilità di escludere un prodotto da tale procedura semplificata, e quindi riaffermare il cosiddetto 'principio di territorialità' (geoblocking in inglese), in caso di accordo formale fra il titolare dei diritti e l'emittente radiotelevisiva. Tale eccezione mira a garantire gli investimenti in prodotti nazionali e sostenere la diversità culturale".