Criptovalute

La Russia sostituirà le riserve in dollari USA con criptovalute

Aleksandr Pankin, vice ministro degli Affari Esteri della Russia, ha ribadito i piani del Paese per ridurre la quota di dollari USA nelle riserve internazionali della Russia e il suo utilizzo in accordo con partner stranieri in un’intervista del 19 ottobre con l’agenzia di stampa locale Interfax. “È possibile sostituire il dollaro USA con altre valute, sia nazionali che regionali, nonché alcune risorse digitali a lungo termine”.

Pankin ha aggiunto che tale sostituzione richiederebbe sforzi significativi da parte del governo, compresa la ricostruzione di modelli di cooperazione consolidati tra giurisdizioni e imprese, nonché la creazione di nuovi meccanismi per nuovi sistemi di regolamento. Il funzionario ha osservato che la campagna di de-dollarizzazione della Russia è in linea con gli sforzi del Paese per evitare le sfide poste dalle sanzioni del governo degli Stati Uniti.

“I pagamenti in dollari USA passano attraverso le banche americane e un sistema di compensazione, che consente a Washington di bloccare qualsiasi transazione che ritenga sospetta”, ha detto Pankin. Ha aggiunto che il governo russo non ha affrontato tali problemi con l’euro o altre valute legali e non prevede misure simili per altre valute nazionali finora.

Per diversi anni, la Russia ha preso in considerazione misure per tagliare la quota in dollari USA nel suo fondo nazionale di welfare da 186 miliardi di dollari. Le autorità locali stanno pianificando di aumentare drasticamente le sue partecipazioni in yuan cinesi e investire in oro.