Tom's Hardware Italia
Tecnologia

L’ora legale ti piace o no? Online il referendum europeo

Il mantenimento dell'ora legale torna al centro del dibattito europeo, con una consultazione pubblica a cui siamo tutti inviati a partecipare: basta collegarsi alla pagina ufficiale, anche in Italiano, ed esprimere la propria opinione entro il 16 agosto 2018. La decisione di ricorrere a un referendum è stata della Commissione Europea, dopo che a febbraio […]

Il mantenimento dell'ora legale torna al centro del dibattito europeo, con una consultazione pubblica a cui siamo tutti inviati a partecipare: basta collegarsi alla pagina ufficiale, anche in Italiano, ed esprimere la propria opinione entro il 16 agosto 2018.

La decisione di ricorrere a un referendum è stata della Commissione Europea, dopo che a febbraio 2018 l'Europarlamento ridimensionò la risoluzione presentata dal deputato ceco Pavel Svoboda e dalla francese Karima Delli (appoggiata da  esponenti di Paesi del Nord, Centro ed Est Europa), che chiedeva l'abolizione dell'ora legale. Gli emendamenti affossarono la proposta così come formulata e la trasformarono in un invito "a condurre una valutazione approfondita" della direttiva 2000/84/Ce, che dal 2001 regolamenta il passaggio tra ora solare e ora legale.

La questione è dibattuta da tempo, e di recente la Finlandia ha indetto una petizione per chiederne l'abolizione, incassando un ampio consenso. Il problema è che l'ora legale viene applicata in conformità a una direttiva europea, quindi un solo Stato non può decidere per conto suo di non aderire più.

Per esprimere un'opinione informata è bene conoscere le motivazioni per le quali fu introdotta, che vanno  al di là del fastidio di spostare le lancette avanti e indietro due volte l'anno. L'idea fu di Benjamin Franklin, che la propose nel 1784 in "Un progetto economico per diminuire il costo della luce". All'epoca non venne considerato, ma l'idea però fu rivalutata all'inizio del '900, e dal 1916 fu adottata sia in Inghilterra che in altri paesi europei, fra cui l'Italia (a fasi alterne fino al 1966).

I problemi a cui doveva far fronte l'ora legale erano legati per lo più al costo dell'energia, con due fattori scatenanti principali: l'avvento della rivoluzione industriale, che portò le persone a non seguire più i ritmi del Sole, quindi a fare più uso dei sistemi di illuminazione artificiale. E la guerra: durante il conflitto mondiale era fondamentale limitare i consumi energetici.

Alcuni reputano che l'ora legale sia diventata inutile per via del cambiamento radicale dello stile e del tenore di vita che è intercorso da allora. Non siamo in un periodo di crisi energetica, e ormai facciamo un uso talmente massiccio di dispositivi elettronici da invalidare parte del risparmio energetico che si ottiene con il cambio dell'ora. Un tempo il consumo era rappresentato dall'accendere la luce quando faceva buio, oggi abbiamo elettrodomestici che restano accesi 24 ore su 24, condizionatori che in estate funzionano tutto il giorno, eccetera.

Tuttavia è bene tenere conto dei dati sul piano nazionale: stando a quanto pubblicava il Sole24 ore all'inizio dell'anno, Terna ha calcolato che grazie all'ora legale che è stata in vigore dal 26 marzo al 27 ottobre 2017 l'Italia ha risparmiato 567 milioni di chilowattora, che corrisponde a minori emissioni di Co2 in atmosfera per 320mila tonnellate.

Volete abolire l'ora legale?

In questo momento la pagina del sondaggio funziona a singhiozzo per problemi tecnici. Auspichiamo che vengano risolti quanto prima.


Tom's Consiglia

Volete tenere sotto controllo i consumi energetici? Le lampadine a LED sono una buona idea per iniziare.