Home Cinema

Microsoft vuole televisori con Kinect, addio telecomando!

Secondo alcune indiscrezioni Microsoft sarebbe al lavoro per integrare il Kinect all’interno dei televisori. Le fonti parlano di come il colosso di Redmond sia ancora nelle fase iniziali del progetto, e stia discutendo i dettagli con alcuni produttori di TV come l’azienda californiana Vizio e Sony.

Una TV con Kinect? Secondo alcune indiscrezioni potrebbe diventare realtà

Sembra strano vedere un’alleanza di questo tipo fra Microsoft e l’azienda giapponese, soprattutto considerando la loro rivalità sul lato console, ma la fonte del The Daily afferma di essere molto ben informata.

Il quotidiano statunitense spiega che questo nuovo televisore sarebbe capace d’interfacciarsi con la rete locale dei PC basati sulla prossima versione di Windows, e che permetterebbe di essere controllato attraverso i gesti.

###old1071###old

Questa scelta si sposerebbe con la strategia di Microsoft di portare il Kinect in più salotti possibili, perfino in quelli senza Xbox 360 (oltre che nelle altre stanze con Kinect per Windows). Per ora si starebbe discutendo ancora delle licenze, ma il progetto avrebbe delle potenzialità notevoli.

La fonte afferma che sarebbe possibile realizzare una TV in grado di riconoscere la persona seduta davanti e di riprendere automaticamente il programma che si stava vedendo a partire dall’ultima interruzione. Fantascienza? Guardando i progressi fatti dalla tecnologia di riconoscimento facciale e dei movimenti, e applicando la potenza dei processori che risiedono nei nostri dispositivi elettronici preferiti, non c’è molto di cui stupirsi.

Kinect sarà abbastanza intelligente da permetterci di gesticolare e d’inveire contro lo schermo?

È un dato di fatto: le cosiddette TV intelligenti saranno il futuro dell’intrattenimento domestico, ma quanto ci metteranno a prendere piede nelle case degli utenti? Non bisogna dimenticare che ormai un LCD ce l’hanno quasi tutti, e che l’utente medio può andare avanti benissimo con uno schermo simile per molti anni.

Basterà il “sogno” di usare la TV senza telecomando per convincere gli utenti a cambiare il televisore “appena” acquistato? E sopratutto, come reagirà il Kinect di fronte all’italianissima abitudine di sbracciarsi e gesticolare davanti al televisore? Non vorremmo essere costretti a continui cambi di canale e regolazioni del volume soltanto perchè si sta guardando un telegiornale o una partita di calcio.