e-Gov

Misura Internet online, controlla se l’ADSL zoppica

Misura Internet è ufficialmente disponibile (MisuraInternet dov’è? Il tempo è scaduto da giorni). Si tratta di uno strumento che dovrebbe garantire di verificare la correttezza delle informazioni fornite dai provider sulla velocità delle connessioni Internet. Il ritardo era dovuto, secondo indiscrezioni, alla necessità di una modifica dal lato provider per consentire la corretta realizzazione del test. Non tutti gli operatori hanno risposto entro le tempistiche programmate in precedenza, ma finalmente tutti i tasselli sono stati messi al loro posto.

Il software, scaricabile gratuitamente previa iscrizione al sito, si chiama Network Measurement System (Ne.Me.Sys.) e “consente di verificare che i valori misurati sulla singola linea telefonica siano rispondenti a quelli dichiarati e promessi dagli operatori nell’offerta contrattuale da loro sottoscritta. Nel caso in cui l’utente rilevi valori peggiori rispetto a quanto garantito dall’operatore, il risultato di tale misura costituisce prova di inadempienza contrattuale e può essere utilizzato, come strumento di tutela al fine proporre un reclamo per richiedere il ripristino degli standard minimi garantiti e ove non vengano ristabiliti i livelli di qualità contrattuali, il recesso senza penali”.

Per garantirsi questa “prova”, bisogna effettuare un test lungo 24 ore, ogni ora. È possibile completare la procedura entro tre giorni dall’avvio. Al termine si ottiene un documento PDF che attesta la qualità della linea in base al tipo di abbonamento stipulato con l’operatore.

Nel 2008 l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, con l’approvazione della Delibera n. 244/08/CSP ha avviato il progetto italiano di monitoraggio della qualità degli accessi ad internet da postazione fissa. Gli obiettivi che l’Autorità attraverso questo progetto intende perseguire sono due: effettuare misure certificate al fine di comparare la qualità delle prestazioni offerte da ogni operatore, relativamente ai profili/piani tariffari ADSL più venduti; mettere in condizione l’utente/consumatore attraverso uno specifico software gratuito di valutare autonomamente la qualità del proprio accesso ad Internet dalla propria postazione fissa.

Avverte AgCom: “I risultati delle misure effettuate con il programma Nemesys (evidenziati in rosso nel documento pdf) possono essere confrontati con i valori indicati dal proprio operatore nella documentazione allegata all’offerta sottoscritta. Nella colonna “Confronta” troverai i link alle pagine di tutti gli operatori relative agli standard di qualità specifici, ovvero la “promessa” contrattuale relativa all’offerta sottoscritta. Le imprese si impegnano contrattualmente con il cliente a rispettare tali valori.

Se i risultati ottenuti con Ne.Me.Sys. risultano peggiori rispetto a quelli indicati dall’operatore, nella colonna “Reclamo” sono evidenziate le modalità e i riferimenti per presentare, entro 30 giorni a partire dalla data di emissione del PDF con i risultati delle misure, il reclamo all’operatore chiedendo il ripristino degli standard di qualità contrattuali.

Ne.Me.Sys., il software usato per le rilevazioni

É bene indicare nell’oggetto della comunicazione di reclamo la denominazione “Reclamo Misura Internet“, in modo da consentire una più facile identificazione al Servizio Clienti dell’operatore.

Se entro 30 giorni dalla ricevimento del reclamo corredato dal PDF, l’operatore non ripristina i livelli di qualità del servizio garantiti, l’utente ha il diritto di recedere senza penali dal contratto sottoscritto per la sola parte relativa al servizio di accesso ad Internet.

Dopo quindi aver verificato nuovamente con Ne.Me.Sys. che (passati i 30 giorni dal reclamo) l’operatore non ha rispettato gli obblighi contrattuali l’utente può inviare una raccomandata a.r. allegando copia del nuovo PDF con la comunicazione di recesso che decorrerà 30 giorni dopo la ricezione da parte dell’operatore. Nella colonna “Recesso” sono presenti gli indirizzi a cui inviare la raccomandata a.r.”

ATTENZIONE:

Ogni successiva misura con Ne.Me.Sys. anche solo quella di verifica di un eventuale intervento ripristinatorio dell’operatore, può essere effettuata solo dopo 45 giorni dalla precedente, sia per consentire all’operatore il ripristino dei livelli di qualità sia per evitare di sovraccaricare eccessivamente il sistema.

ringraziamo Pino Bruno per la collaborazione